Something in the Water di Trevor Baxendale

Something in the Water di Trevor Baxendale
Something in the Water di Trevor Baxendale

Il romanzo “Something in the Water” di Trevor Baxendale è stato pubblicato per la prima volta nel 2008. È inedito in Italia.

Il team del Capitano Jack Harkness è alla ricerca di chi, o cosa, sia riuscito a uccidere brutalmente un Weevil ma un vecchio amico di Jack lo avvisa tramite Gwen Cooper e Toshiko Sato che qualcosa di grosso sta succedendo. Le indagini portano a quelle che sembrano storie del folklore ma chi lavora per Torchwood sa che le storie più strane possono nascondere verità oscure.

Il dottor Bob Strong sta trattando una quantità crescente di malati con sintomi simili all’influenza la cui origine non è chiara. Nel frattempo, le sue preoccupazioni vanno verso Saskia Harden, una paziente con un passato di tentativi di suicidio che lo inquieta e nasconde qualcosa di strano.

“Something in the Water” fa parte di una collana di romanzi connessi alla serie “Torchwood“, uno spinoff di “Doctor Who”. Le dimensioni sono quelle dei libri di “Doctor Who” dell’Undicesimo Dottore e successivi. Nei primi libri il font era più piccolo mentre in quelli successivi il font è della stessa dimensione di quelli di “Doctor Who”.

I primi 3 romanzi di “Torchwood” sono stati pubblicati poco dopo la fine della prima stagione della serie televisiva ed era stato deciso che le trame riguardassero in parte i membri del team del Capitano Jack Harkness per poterli approfondire ulteriormente. I 3 romanzi successivi sono stati pubblicati quando era in onda la seconda stagione della serie televisiva ed è stato deciso che le trame fossero più scorrevoli, con un ritmo più elevato, assumendo che i lettori conoscano già i protagonisti.

Fin dall’inizio, “Something in the Water” comincia a mostrare alcune similitudini nella trama con un romanzo precedente di questa collana, “Slow Decay”. La scoperta del cadavere di un Weevil con il team di Torchwood che si chiede chi o cosa possa massacrare un Weevil è la prima somiglianza ma altre verranno rivelate ben più avanti nel corso della lettura. Ciò non vuol dire che “Something in the Water” sia una parziale riscrittura di “Slow Decay” ma come coincidenza è curiosa.

Trevor Baxendale si è ispirato a uno spauracchio del folklore inglese legato all’acqua conosciuto come Jenny Dentiverdi per costruire una storia con connotazioni horror. Esse contribuiscono a certi toni cupi della storia in perfetto stile “Torchwood” ma non è la prima volta che in questa serie storie di fantascienza vengono sviluppate basandosi su elementi fantasy / horror. Alla fine non è decisamente la storia più cupa di “Torchwood” dato che contiene anche una certa dosa di umorismo.

“Something in the Water” inizia con alcuni misteri in apparenza non collegati che vengono investigati dal team di Torchwood perché oltre a un Weevil brutalmente squartato c’è la scoperta di un cadavere che al momento di cominciare l’autopsia inizia a muoversi e a parlare. Una parte della storia inizia come una sottotrama separata con una malattia con sintomi simili all’influenza che comincia a diffondersi e Saskia Harden, una paziente di uno studio medico con un passato difficile.

Gli elementi horror del romanzo includono a volte parti tendenti allo splatter con il team di Torchwood che cerca di scoprire se c’è un fondo di verità dietro alla leggenda di Jenny Dentiverdi e si imbatte in morti non tanto morti e altri eventi del genere. D’altra parte, rispetto a tante altre storie di Torchwood, compresi i romanzi precedenti, i contenuti sessuali sono assenti e il linguaggio è molto più “pulito”.

Il risultato è un romanzo molto concentrato sulla trama che ha una certa complessità ma senza divagare su vicende legate alla vita di qualche protagonista. Ciò non significa che i membri del team di Torchwood siano usati solo per sviluppare la trama. Viene dato per scontato che il lettore li conosca ma la storia è piena di particolari legati alle loro personalità e ai loro ruoli in Torchwood. In sostanza, il lettore riconosce i personaggi visti nella serie televisiva.

Le somiglianze tra “Something in the Water” e “Slow Decay” non mi hanno infastidito, anche grazie agli elementi positivi di un romanzo che complessivamente mi è parso molto godibile. Per questi motivi ne consiglio la lettura ai fan di Torchwood.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *