The Resurrection Casket di Justin Richards

The Resurrection Casket di Justin Richards
The Resurrection Casket di Justin Richards

Il romanzo “The Resurrection Casket” di Justin Richards è stato pubblicato per la prima volta nel 2006. È al momento inedito in Italia.

Il Decimo Dottore e Rose Tyler stanno viaggiando nel Tardis quando vengono costretti ad atterrare da una strana anomalia che mette fuori uso i sistemi del Tardis. I due viaggiatori si ritrovano sul pianeta Starfall, dove nessuna tecnologia moderna funziona e devono attendere che il Tardis ripari i propri sistemi per poter ripartire.

Il Dottore e Rose scoprono un mondo i cui abitanti sono alla ricerca di un tesoro leggendario e dove la tecnologia a vapore è stata sviluppata fino a creare robot dotati di personalità. Lì si trovano coinvolti nei piani di Drel McCavity, che possiede il pianeta ed è un collezionista di manufatti locali.

“The Resurrection Casket” fa parte di una collana di romanzi connessi alla nuova serie di “Doctor Who”. Essi sono orientati ad un ampio pubblico essendo abbastanza lineari da essere apprezzati anche da lettori molto giovani ma abbastanza sofisticati da poter interessare anche lettori più maturi.

Justin Richards si ispira fortemente al romanzo “L’isola del tesoro” di Robert Louis Stevenson rivisitando la storia in una versione fantascientifica ambientandolo sul pianeta Starfall. In particolare l’autore usa elementi steampunk dato che su Starfall funzionano solo macchine a vapore, sviluppate al punto che ci sono cyborg con parti meccaniche e perfino robot molto sofisticati.

Quando il Dottore e Rose sono costretti ad atterrare su Starfall dopo che i sistemi del Tardis vengono colpiti dall’anomalia esistente in quell’area, cercano altri mezzi per lasciare il pianeta. In questo caso l’elemento fantascientifico è l’esistenza di navi a vela che viaggiano nello spazio.

Durante i loro tentativi di lasciare il pianeta, il Dottore e Rose finiscono coinvolti nelle ricerche di un leggendario tesoro ma quello è solo l’inizio. Una leggenda attorno a una macchina che permetterebbe di riportare in vita le persone diventa sempre più centrale nel romanzo.

In questa situazione il Dottore e Rose devono affrontare una serie di problemi e di possibili minacce, incluso un mostro. I cattivi della storia hanno i loro piani e le loro motivazioni con segreti che vengono svelati pian piano nel corso del romanzo. Nonostante la lunghezza limitata, questi elementi formano una trama complessa.

Quello che mi ha lasciato freddo in “The Resurrection Casket” è soprattutto il tono, che per i miei gusti è fin troppo farsesco, anche per la riproduzione degli elementi de “L’isola del tesoro”. Kevin, il mostro che è costretto a uccidere quando in realtà è buono, è il perfetto esempio di questo problema.

Secondo me di fondo manca un buon equilibrio tra dramma e umorismo. La conseguenza è una storia in cui gli elementi drammatici perdono efficacia perché quelli umoristici sono esagerati. Forse Justin Richards ha scritto questo romanzo pensando maggiormente ai lettori più giovani finendo per usare un umorismo banale.

È un peccato perché credo che Justin Richards abbia riprodotto davvero bene in particolare il Decimo Dottore. Ha anche creato un cattivo ben sviluppato come Drel McCavity, che diventa inquietante man mano che le sue ossessioni e i suoi segreti vengono rivelati. Non tutti i personaggi sono sviluppati ma avere il Dottore e un antagonista forte è positivo. Proprio per questo credo che il risultato sarebbe stato migliore se l’autore avesse sfruttato meglio gli elementi drammatici della storia.

Devo dire che personalmente lo steampunk non è fra i miei sottogeneri preferiti. In “The Resurrection Casket” la cosa è anche peggiore perché sembra che robot estremamente sofisticati abbiano dimensioni uguali a quelle degli esseri umani pur essendo basati su una tecnologia molto rozza. D’altra parte in “Doctor Who” spesso la fantascienza si avvicina al fantasy perciò questo è il problema minore.

Quest’insieme di caratteristiche ha finito per lasciarmi impressioni contrastanti. Purtroppo per l’insieme di pregi, difetti e gusti personali “The Resurrection Casket” mi è parso complessivamente poco interessante. Può piacere a chi apprezza romanzi leggeri con quel tipo di ambientazione e temi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *