June 24, 2020

Una parte del supercomputer Fugaku (Foto cortesia RIKEN Center for Computational Science (R-CCS))

Il supercomputer giapponese Fugaku è stato incoronato nuovo re della classifica Top 500 superando Summit, che deteneva il titolo da due anni. Fugaku ha prestazioni quasi triple rispetto al suo predecessore con una potenza di calcolo di 415,5 Petaflops contro 148,6 per un picco teorico di 513,8 Petaflops contro 200,8. Come è da molto tempo comune per i re dei supercomputer, usa il sistema operativo Linux, nel caso specifico la distribuzione Red Hat Enterprise Linux 8. Una novità interessante è che Fugaku è il primo re dei supercomputer basato su architettura ARM essendo costruito attorno a processori A64FX 48C a 2.2GHz. Nella classifica Top 500 solo altri tre supercomputer sono basati su architettura ARM.