Un’analisi genetica su un antico osso ha rivelato un ibrido tra Neanderthal e Denisova

Viste dell'osso Denisova 11 (Immagine cortesia Thomas Higham, University of Oxford)
Viste dell’osso Denisova 11 (Immagine cortesia Thomas Higham, University of Oxford)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive i risultati dell’analisi di DNA estratto da un pezzo di osso scoperto nel 2012 e catalogato come Denisova 11. Un team del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology (MPI-EVA) di Lipsia, in Germania, è riuscito a recuperare DNA da quell’osso e il sequenziamento ha rivelato che la madre era una Neanderthal mentre il padre era un Denisova e apparteneva quindi a un’altra specie di ominini. Questa è l’ennesima prova del fatto che popolazioni di diversi ominini si sono incrociati portando alla nascita di ibridi, il motivo per cui il DNA di buona parte degli Homo sapiens contiene geni di Neanderthal o di Denisova.

La scoperta di un pezzo d’osso nelle grotte di Denisova sui Monti Altaj in Siberia nel 2008 diede inizio a una serie di ritrovamenti di altri pezzi d’osso appartenenti a ominini. La questione divenne ancor più interessante perché nel frattempo le tecniche genetiche fecero notevoli progressi portando allo sviluppo della paleogenetica, l’applicazione di tecniche genetiche a specie estinte per riuscire a ricavare almeno frammenti di DNA da ossa molto antiche.

Il MPI-EVA è stato fin dall’inizio all’avanguardia in questo campo contribuendovi con molte scoperte a cominciare dal fatto che gli ominini di Denisova costituivano una specie diversa da Homo sapiens e dai Neanderthal. In un articolo pubblicato nel settembre 2015 sempre su “Nature” un team coordinato dal MPI-EVA ha cercato di ricostruire l’albero della famiglia umana.

Nel corso degli anni nuove ricerche e confronti genetici hanno permesso di capire meglio le parentele tra questi ominini e anche gli incroci avvenuti tra di essi. Anche le ricerche sui resti trovati nelle grotte di Denisova sono continuate e l’osso catalogato come Denisova 11 è risultato essere un ibrido di madre Neanderthal e padre Denisova. Il team che ha compiuto questa nuova ricerca include Matthias Meyer e Svante Pääbo, due dei più importanti paleogenetisti non solo del loro istituto ma di tutto il mondo e fin dall’inizio coinvolti nelle ricerche paleogenetiche sui Denisova.

Bence Viola dell’Università di Toronto, un altro degli autori di questa ricerca e anch’egli coinvolto fin dall’inizio nelle ricerche paleogenetiche sui Denisova, ha spiegato che gli esami del pezzo d’osso Denisova 11 suggeriscono che sia appartenuto a una ragazza di almeno 13 anni che visse oltre 50.000 anni fa. Scoperto da archeologi russi nel 2012, venne portato al MPI-EVA per un’analisi genetica che ha dato risultati molto interessanti.

Oggi esistono vari genomi più o meno completi di Neanderthal appartenenti a varie popolazioni, compresa quella che visse nei monti Altaj, che stanno offrendo un quadro delle loro migrazioni e delle parentele fra di esse anche se ancora decisamente approssimativo. Grazie a queste conoscenze, è stato possibile stabilire che la madre della ragazza oggetto di questo ricerca era geneticamente più vicina ai Neanderthal che vivevano nell’Europa occidentale che a quello che visse nelle grotte di Denisova molto prima di lei.

Per quanto riguarda il padre della ragazza, era un Denisova ma i geni ereditati da lui indicano che tra i suoi antenati c’era almeno un Neanderthal. In sostanza, all’epoca non vi fu solo un occasionale incrocio tra queste due specie di ominini ma è stato possibile rintracciarne almeno due nel DNA di questa ragazza.

Svante Pääbo ha fatto notare quanto sia straordinario il fatto di aver trovato quest’ibrido tra i pochi resti di individui di cui è stato possibile sequenziare il genoma. Forse Neanderthal e Denisova non hanno avuto molte opportunità di incontrarsi ma quando ciò è accaduto devono essersi incrociati frequentemente, molto più di quanto si pensasse.

Neanderthal e Denisova vissero in aree generalmente lontane ma occasionalmente almeno una popolazione di una delle due specie si spinse fino a un’area abitata dall’altra come i Monti Altaj. La scoperta di un ibrido tra le due specie rilancia le discussioni sugli incroci tra ominini ma anche sulla definizione di specie visto che ci sono stati ibridi fertili che hanno lasciato le loro tracce genetiche nella ragazza oggetto di questa ricerca ma anche in buona parte degli umani moderni. I progressi in genetica e paleogenetica stanno portando nuove discussioni su definizioni e classificazione che sicuramente andranno avanti a lungo.

La valle sopra le grotte di Denisova (Foto cortesia Bence Viola, Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology)
La valle sopra le grotte di Denisova (Foto cortesia Bence Viola, Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *