Varie popolazioni di ominini vissero nelle grotte di Denisova

Due articoli pubblicati sulla rivista “Nature” riportano varie scoperte sui primi esseri umani che vissero in Siberia. Due team di ricercatori guidati dalla dottoressa Katerina Douka e dalla professoressa Zenobia Jacobs hanno usato diversi metodi di datazione che suggeriscono che le grotte di Denisova in Siberia siano state occupate a partire da almeno 200.000 anni fa dai Denisova ma i primi ominini potrebbero avervi abitato 300.000 anni fa.

Le grotte di Denisova sui Monti Altaj in Siberia costituiscono un importante sito paleoantropologico perché vi sono stati trovati i primi fossili di una specie di ominini che di conseguenza è stata chiamata uomo di Denisova. Pochissimi altri fossili di questa specie sono stati trovati negli anni successivi ma i progressi nelle tecniche genetiche hanno permesso di estrarre frammenti di DNA da alcuni frammenti ossei appartenenti a questa specie e di altri ominini aprendo le porte a ricerche sulle parentele tra le varie specie e sugli incroci tra Homo sapiens, Neanderthal e Denisova.

Il team guidato dalla dottoressa Katerina Douka del Max Planck Institute for the Science of Human History, in Germania, include ricercatori dell’Università di Oxford, che hanno effettuato la datazione di 50 campioni di ossa, denti e frammenti di carbone recuperati negli strati superiori delle grotte di Denisova usando la Oxford Radiocarbon Accelerator Unit dell’Università di Oxford.

Le datazioni sono state combinate con altre informazioni disponibili sia sui Denisova che sui Neanderthal. Questo lavoro ha incluso informazioni sull’età genetica dei fossili ed è stato compiuto in collaborazione con il Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology (MPI-EVA) di Lipsia, in Germania, all’avanguardia nel campo della paleogenetica, l’applicazione di tecniche genetiche a specie estinte per riuscire a ricavare almeno frammenti di DNA da ossa molto antiche. In questo caso, hanno aiutato a migliorare le stime dell’età dei fossili di ominini incorporando tutte le prove disponibili riguardo ai fossili studiati.

Nel corso degli anni i ricercatori del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology sono stati spesso autori di ricerche paleogenetiche presentando i risultati di sequenziamenti di vari ominini antichi. Il team che ha compiuto questa nuova ricerca include Matthias Meyer e Svante Pääbo, due dei più importanti paleogenetisti non solo del loro istituto ma di tutto il mondo.

La maggior parte dei sedimenti prelevati nelle grotte di Denisova per essere studiati erano troppo antichi per una datazione al radiocarbonio perciò il team guidato dalla professoressa Zenobia Jacobs dell’Università di Wollongong, in Australia, ha usato un metodo diverso. 103 depositi di sedimenti assieme a resti di quasi 200 tra animali e piante sono stati datati usando una tecnica che misura l’ultima volta che certi minerali sono stati esposti alla luce del Sole.

I risultati mostrano una situazione complessa nel senso che le grotte di Denisova sono state abitate dagli uomini di Denisova a partire da almeno 200.000 anni fa. Le scoperte di strumenti di pietra fanno pensare che vennero abitate per la prima volta almeno 300.000 anni fa ma finora non è stato possibile stabilire quale specie produsse quegli strumenti. Quel sito è stato abitato anche da Neanderthal tra 140.000 e 80.000 anni fa e nell’agosto 2018 un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” riportava la scoperta di ibridi tra le due specie, un’ulteriore prova dei vari incroci tra vari ominini.

L’immagine (Cortesia Katerina Douka. Tutti i diritti riservati) mostra varie punte d’osso e denti trovati negli strati delle grotte di Denisova risalenti al Paleolitico Superiore dai quali sono stati prelevati campioni per la datazione al radiocarbonio. Secondo i risultati, risalgono a un periodo tra 49.000 e 43.000 anni fa e quindi sono i più antichi manufatti scoperti nell’Eurasia settentrionale.

Il professor Tom Higham dell’Università di Oxford, parte del team della dottoressa Katerina Douka, ha dichiarato che c’è una questione ancora aperta riguardo agli autori di questi manufatti perché anche gli Homo sapiens potrebbero aver vissuto in quell’area. Ha espresso la speranza che ulteriori scoperte possano chiarire la questione.

In sostanza, ci sono ancora parecchie domande ma è sempre più chiaro che nelle grotte di Denisova si sono incontrate almeno due specie, Neanderthal e Denisova. Fossili e manufatti non sono sufficienti a capire esattamente quando solo una delle due specie vi abitò e quando invece vi furono incontri tra le due specie con vari incroci ma le ricerche continuano e aiuteranno a capire meglio anche i comportamenti più complessi di questi ominini, che erano già capaci di creare manufatti che richiedevano capacità mentali elevate quanto quelle degli umani moderni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *