Il morso del Tyrannosaurus rex poteva frantumare le ossa

Simulazione dell'anatomia di un Tyrannosaurus rex (Immagine cortesia Gregory Erickson e Paul Gignac / Florida State University/Oklahoma State University / Scientific Reports)
Simulazione dell’anatomia di un Tyrannosaurus rex (Immagine cortesia Gregory Erickson e Paul Gignac / Florida State University/Oklahoma State University / Scientific Reports)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” descrive una ricerca sulla forza del morso del Tyrannosaurus rex. I ricercatori Gregory Erickson e Paul Gignac hanno creato modelli al computer basati non solo su fossili ma anche sullo studio dei parenti viventi dei dinosauri, coccodrilli e uccelli, per stimare le caratteristiche del morso del T.rex concludendo che poteva perfino ridurre a pezzetti le ossa delle sue prede.

Non è una sorpresa che il T.rex avesse un morso letale ma ridurre in frammenti le ossa di una vittima richiede certe caratteristiche di conformazione dei denti. Ci sono parecchi predatori mammiferi come lupi e iene con denti adatti a frammentare le ossa per poter mangiare il midollo mentre i rettili possono solo ingoiare le ossa intere. I denti del T.rex non sembrano adatti a frantumare le ossa tuttavia vari reperti fossili suggeriscono che questi predatori ma anche suoi cugini tirannosauridi riuscissero comunque a farlo.

Gregory Erickson, professore di scienze biologiche alla Florida State University, e Paul Gignac, assistente professore di anatomia e paleontologia dei vertebrati alla Oklahoma State University, hanno provato a costruire una simulazione del morso di un T.rex. Si trattava di cercare di capire che tipo di forza e pressione potesse esercitare ma anche di ricostruirne la biomeccanica per stabilire quali caratteristiche potevano permettergli di frammentare le ossa delle sue prede pur non avendo denti adatti a quel tipo di lavoro.

Il modello al computer è stato costruito sfruttando molte informazioni raccolte esaminando coccodrilli, che sono cugini dei dinosauri, e uccelli, che possono essere considerati dinosauri moderni. La parte biomeccanica riguarda non solo i denti ma anche le mascelle e la relativa muscolatura degli animali esaminati.

Il confronto tra le caratteristiche dei diversi animali è ciò che ha mostrato ai due scienziati che la forza del morso è solo uno dei fattori ma è necessario capire la parte biomeccanica, cioè come quella forza viene trasmessa attraverso i denti, la misurazione chiamata pressione dei denti.

Secondo i risultati della simulazione, il morso del T.rex poteva raggiungere una forza di 3600 chili e una pressione dei denti di 30 tonnellate per centimetro quadrato (o 34.522 Newton e 2.974 MegaPascal). La forza è circa 40 volte quella del morso di un essere umano ed era tale che i suoi denti, pur non adatti alla masticazione, riuscivano non solo a tagliare la carne delle sue prede come se fosse burro ma anche a distruggerne le ossa.

Questa è l’ultima di varie ricerche che hanno cercato di stimare la forza del morso del T.rex ma stavolta gli scienziati hanno adottato un approccio moderno, con l’aiuto del computer e usando confronti con i parenti moderni di quest’animale. Si tratta di un tipo di approccio sempre più usato per cercare di basare ricerche paleontologiche non solo su modelli teorici ma anche su dati misurati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *