Un cranio rigido dietro al potente morso del Tyrannosaurus rex


Un articolo pubblicato sulla rivista “The Anatomical Record” riporta uno studio dell’anatomia del cranio del Tyrannosaurus rex che offre una spiegazione di come potesse avere un morso talmente potente da frantumare le ossa delle sue prede senza spezzare le proprie. Un team di ricercatori guidato da Ian Cost dell’Albright College ha esaminato le caratteristiche del cranio del T. Rex anche usando simulazioni al computer concludendo che esso era rigido come quelli di iene e coccodrilli moderni e non flessibile come quelli di serpenti e uccelli.

La potenza del morso del T. Rex è già stata oggetto di ricerche come ad esempio quella pubblicata sulla rivista “Scientific Reports” nel maggio 2017 con la conclusione che questo celeberrimo dinosauro era in grado di frantumare le ossa delle sue prede. Ciò che aveva lasciato perplessi i ricercatori era il fatto che le ossa del T. Rex fossero in grado di resistere a tali sollecitazioni ma forse un team di ricercatori coordinato dall’Università del Missouri ha risolto il mistero.

Ian Cost è stato studente di dottorato all’Università del Missouri prima di diventare assistente professore all’Albright College. Ha guidato uno studio anatomico del cranio del T. Rex basato su ricostruzioni tridimensionali e simulazioni al computer che includono un’analisi ingegneristica per comprendere come esso reagisse agli stress e agli sforzi generati durante la masticazione.

L’immagine (Cortesia Università del Missouri. Tutti i diritti riservati) mostra un’immagine tridimensionale di cranio del T. rex che mostra l’attivazione dei muscoli. I colori tendenti al rosso indicano le aree di maggior sforzo durante la masticazione.

Kaleb Sellers, uno studente dell’Università del Missouri che ha partecipato a questo studio, ha spiegato che nel passato i ricercatori avevano esaminato il problema solo dalla prospettiva delle ossa senza mettere in conto tutte le connessioni costituite da legamenti e cartilagini che mediano realmente le interazioni tra le ossa. Esistono crani fossili di T. Rex ma le altre parti anatomiche non disponibili sono state ricostruite basandosi sulla conoscenza di altre specie, tuttavia ciò può portare a errori. I paleontologi pensavano che il cranio del T. Rex fosse flessibile come quelli di serpenti e uccelli ma i risultati di questo studio indicano che era rigido come quelli di iene e coccodrilli.

Nelle simulazioni al computer, i ricercatori hanno usato modelli della masticazione di due lontani parenti del T. Rex, il geko e il pappagallo. Casey Holliday, professore associato di anatomia all’Università del Missouri, ha spiegato il problema del bilanciamento tra movimento e stabilità delle articolazioni presenti nel cranio. Uccelli e lucertole hanno più movimenti ma minore stabilità. Una situazione del genere avrebbe creato problemi al T. Rex e ciò indica che il suo cranio aveva maggore rigidità.

Questi studi biomeccanici sono utili non solo per comprendere meglio come mangiavano animali estinti e casi estremi come quello del T. rex ma anche per migliorare le nostre conoscenze mediche. Ciò perché i modelli sviluppati possono essere adattati a specie esistenti che possono soffrire di problemi articolari, di artrite e altro ancora. Sono progressi che possono aiutare anche i medici che curano gli esseri umani.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *