Nessuna traccia di incroci tra Homo floresiensis e i pigmei che oggi vivono sull’isola di Flores

L'isola di Flores oggi e nel passato
L’isola di Flores oggi e nel passato

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science” descrive un’analisi genetica su membri della popolazione di pigmei che vive sull’isola indonesiana di Flores. Un team di ricercatori ha cercato di comprendere le origini della loro bassa statura e la possibile parentela con gli Homo floresiensis, gli ominini soprannominati Hobbit che vissero sull’isola nel passato, concludendo che non ci sono tracce di collegamenti genetici tra le due popolazioni, nelle quali la bassa statura è indipendente, un caso tipico di adattamento alla vita su un’isola.

A partire dal 2003, sono stati scoperti fossili appartenenti a vari individui di un ominino alto poco più di un metro in una caverna di Liang Bua, sull’isola di Flores. Il soprannome hobbit dato alla specie poi chiamata Homo floresiensis ha acceso la fantasia del pubblico ma in campo scientifico le discussioni sulla sua origine e sulla sua parentela con l’Homo sapiens continua ancora. Un articolo pubblicato nell’aprile 2017 sulla rivista “Journal of Human Evolution” descriveva uno studio sulle sue ossa offrendo alcune risposte e una possibile posizione nell’albero evolutivo degli ominini.

Sull’isola di Flores attualmente vive una popolazione di pigmei e una delle possibilità prese in considerazione era che vi fossero stati degli incroci con gli Homo floresiensis. Purtroppo finora qualsiasi tentativo di recuperare frammenti di DNA dalle ossa degli hobbit è fallito perciò un confronto diretto è impossibile, tuttavia un team di scienziati guidato da Joshua Akey, professore di ecologia e biologia evoluzionaria all’Università di Princeton ha inventato una tecnica genetica per trovare sequenze arcaiche nel DNA di una specie moderna.

In parole semplici, il DNA di 32 pigmei che vivono nel villaggio vicino alla caverna di Liang Bua è stato analizzato per verificare l’origine dei loro geni nella speranza di trovarne alcuni di cui fosse impossibile stabilirla. Ciò non costituirebbe una prova definitiva di incroci con gli Homo floresiensis ma suggerirebbe almeno un incrocio con una specie di ominini di cui non abbiamo DNA e quindi almeno la probabilità che si tratti dei misteriosi hobbit.

Serena Tucci, ricercatrice associata del laboratorio di Joshua Akey e tra gli autori principali dello studio, ha spiegato che nel DNA dei pigmei sono stati trovati geni di Neanderthal e anche alcuni di Denisova, un’altra specie di ominini che si è incrociata con l’Homo sapiens. Si tratta di risultati che i ricercatori si aspettavano conoscendo le migrazioni compiute dagli esseri umani moderni. Nessun gruppo di geni di origine sconosciuta è stato trovato.

L’analisi del DNA dei pigmei ha rivelato alcuni adattamenti evolutivi connessi alla dieta e alla bassa statura. La tendenza a diventare più piccoli è tipica in specie che rimangono isolate su isole, generalmente collegata alle risorse limitate e alla scarsità di predatori. Anticamente, sull’isola di Flores vivevano anche elefanti nani.

L’immagine (cortesia Matilda Luk, Office of Communications, Princeton University. Tutti i diritti riservati) illustra da sinistra a destra il villaggio di Rampasasa, dove oggi vivono pigmei, un pigmeo che indossa una tradizionale copertura per la testa, la faccia ricostruita di un Homo floresiensis e alcuni elefanti pigmei.

Alla fine, secondo lo studio del DNA dei pigmei, non è risultato alcun incrocio con l’Homo floresiensis. Differenze anatomiche erano già state rilevate oltre al fatto che gli hobbit erano davvero bassi, attorno ai 106 centimetri, mentre i pigmei hanno un’altezza media di 145 centimetri. Questa nuova ricerca porta una nuova conferma del fatto che anche gli ominini diventano più piccoli se vivono su un’isola, proprio come gli altri animali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *