Gli Homo floresiensis potrebbero discendere da una linea ancestrale del genere Homo

Riproduzione delle ossa di un Homo floresiensis
Riproduzione delle ossa di un Homo floresiensis

Un articolo pubblicato sulla rivista “Journal of Human Evolution” descrive uno studio sulle ossa di Homo floresiensis (foto ©Mamoritai), gli ominidi soprannominati hobbit scoperti sull’isola indonesiana di Flores nel 2003. Un team guidato dalla Australian National University (ANU) ha concluso che molto probabilmente si trattava di una specie sorella dell’Homo habilis, che non ci sono prove che si fosse evoluta dall’Homo erectus e che è quasi impossibile che si trattasse di Homo sapiens che soffrivano di una malformazione.

La scoperta di fossili appartenenti a vari individui di un ominide alto poco più di un metro in una caverna di Liang Bua, sull’isola di Flores, aveva fatto notizia anche perché gli scopritori li avevano soprannominati hobbit a causa della loro altezza. La scoperta aveva anche iniziato le discussioni per cercare di capire quale fosse l’origine di questi ominidi e la parentela con gli esseri umani moderni e con i suoi cugini.

Vennero avanzate tre teorie sull’origine dell’Homo floresiensis. Secondo la prima teoria, l’Homo floresiensis si era evoluto da una popolazione di Homo erectus, la cui presenza in Asia era conosciuta, che era emigrata sull’isola di Flores. Secondo la seconda teoria l’Homo floresiensis si era evoluto direttamente da una specie ancestrale del genere Homo emigrata dall’Africa. Secondo la terza teoria Homo floresiensis non è una specie valida ma gli individui identificati come tali erano in realtà Homo sapiens che soffrivano di qualche malattia genetica o metabolica.

La dottoressa Debbie Argue della School of Archaeology & Anthropology dell’ANU ha guidato un team che ha analizzato una serie di caratteristiche delle ossa dell’Homo floresiensis scoperte. Si tratta di uno studio più completo rispetto ad altri condotti in precedenza che si erano concentrati soprattutto sui crani e sulle mascelle. Nel corso degli anni, diversi team di ricercatori avevano raggiunto conclusioni diverse e contrastanti perciò era necessario che l’analisi fosse davvero esauriente per ottenere risultati convincenti.

Secondo le conclusioni di questa nuova ricerca, l’Homo floresiensis era probabilmente una specie sorella dell’Homo habilis, il che significa che queste due specie si sono evolute da un antenato comune. Non è al momento possibile dire se l’Homo floresiensis si sia evoluto in Africa per poi migrare in Asia o se l’antenato comune con Homo habilis sia migrato in Asia e lì si sia evoluto in Homo floresiensis.

È possibile che gli Homo floresiensis o i loro antenati abitassero in varie aree dell’Asia e che poi siano stati sostituiti quasi ovunque dopo l’arrivo degli Homo erectus. L’isola di Flores potrebbe essere stato l’ultimo luogo in cui quella linea evolutiva di ominidi è sopravvissuta fino a poco più di 50.000 anni fa.

È improbabile che questa ricerca costituisca l’ultima parola sull’Homo floresiensis. Forse le conclusioni sulle sue parentele con gli altri ominidi saranno accettate dopo essere state analizzate da altri paleontologi ma nel migliore dei casi rimarrà il problema del luogo dove gli “hobbit” si sono evoluti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *