Forse è stato scoperto il punto di impatto del più grande meteorite giovane che ha colpito la Terra, circa 790.000 anni fa


Un articolo pubblicato sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences” riporta uno studio che offre prove che il punto di impatto del più grande meteorite giovane che ha colpito la Terra, circa 790.000 anni fa, è sotto un complesso vulcanico nell’odierno Laos, nell’altipiano di Bolaven. Un team di ricercatori ha raccolto prove geologiche legate a minerali come le tectiti nell’area e alla mappatura e alla datazione delle lave basaltiche, da rilevazioni gravitazionali locali e dalla presenza di uno sperone di massi di arenaria e di fango a strati grossolani a 10-20 chilometri dall’area.

Nel mesozoico c’era un complesso vulcanico attivo nell’odierno altipiano di Bolaven, in Laos. Molto più recentemente dal punto di vista geologico e astronomico, un meteorite colpì la Terra generando detriti vetrosi come sono appunto quelli conosciuti come tectiti in un’area stimata attorno al 20% dell’emisfero orientale terrestre. Rilevazioni geologiche hanno indicato che ci doveva essere un grande cratere da qualche parte in Indocina ma la posizione esatta è rimasta sconosciuta o almeno fino ad ora, visto che un nuovo studio conclude che si trovi nel Laos, nel complesso vulcanico di Bolaven.

L’immagine (Proceedings of the National Academy of Sciences) mostra una mappa dell’altipiano di Bolaven con la regione in cui i ricercatori hanno individuato il probabile punto d’impatto del meteorite cerchiata in blu. Nella mappa globale in alto, l’area blu è quella in cui i detriti dell’impatto si sono sparsi.

Per individuare il probabile punto d’impatto del meteorite, i ricercatori hanno raccolto prove di vario tipo. Il primo riguarda la geochimica delle tectiti nelle vicinanze del complesso vulcanico perché secondo i ricercatori implica la presenza di basalti nel sito dell’impatto. Il secondo tipo riguarda la mappatura geologica e la datazione delle lave basaltiche che esistevano prima e dopo il periodo dell’impatto, che mostrano i cambiamenti avvenuti in quel periodo. Le misurazioni gravitazionali condotte nel complesso vulcanico di Bolaven mostrano un’anomalia che suggerisce la presenza di un cratere tra i 13 e i 17 chilometri di diametro. L’ultimo tipo di prova arriva dai massi di arenaria e fango a strati grossolani a 10-20 chilometri dal complesso vulcanico di Bolaven, che sembrano stati scagliati lì dalla forza dell’impatto.

Un evento astronomico avvenuto circa 790.000 anni fa è stato ricostruito tramite un complesso studio geologico. Le risposte offerte dai ricercatori possono ora essere controllate, ad esempio con nuove analisi dei materiali esistenti nei detriti risalenti all’epoca. Si stima che l’impatto abbia incenerito pianet e animali in un raggio di circa 500 chilometri. Le valutazioni di eventi così antichi può aiutare a capire cosa succederebbe oggi se un grosso meteorite colpisse la Terra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *