Into the Silence di Sarah Pinborough

Into the Silence di Sarah Pinborough
Into the Silence di Sarah Pinborough

Il romanzo “Into the Silence” di Sarah Pinborough è stato pubblicato per la prima volta nel 2009. È inedito in Italia.

Un cantante di un coro che sta facendo le prove in una chiesa viene ucciso in modo brutale. L’attacco ha lasciato il suo cadavere privo delle corde vocali, che sono state asportate con notevole abilità chirurgica. Gli altri membri del coro sono sotto choc. Il detective Tom Cutler passa l’indagine a Torchwood e non è la prima volta che lavora con loro.

Quell’omicidio è solo il primo e l’assassino sembra legato a un certo modus operandi nelle sue azioni. Cardiff ospita un concorso annuale di cantanti d’opera e ciò significa che in città ci sono moltissimi cantanti, tutti potenziali vittime per l’assassino. Per trovarlo prima che uccida chissà quante persone, una normale indagine non è sufficiente.

“Into the Silence” fa parte di una collana di romanzi connessi alla serie “Torchwood“, uno spinoff di “Doctor Who”. Le dimensioni sono quelle dei libri di “Doctor Who” dell’Undicesimo Dottore e successivi. Nei primi libri il font era più piccolo mentre in quelli successivi il font è della stessa dimensione di quelli di “Doctor Who”.

“Into the Silence” è ambientato tra la seconda e la terza stagione della serie televisiva “Torchwood” e ha una storia lineare che contiene elementi tipici di questo telefilm. Un omicidio con varie stranezze richiama l’attenzione del team del Capitano Jack Harkness, la cui indagine suggerisce che l’assassino possa essere alieno.

Un poliziotto inizialmente coinvolto nell’esame della scena del crimine ha già collaborato con Torchwood in passato, pagandone il prezzo. Si tratta di un personaggio interessante perché in altre occasioni è capitato che Gwen ottenesse l’aiuto di qualche ex collega della polizia ma di solito si trattava di ottenere informazioni. In questo caso c’è un poliziotto che ha già lavorato attivamente con Torchwood con conseguenze personali negative eppure in “Into the Silence” collabora con il team del Capitano Jack Harkness. Alla fine, la sua storia personale è la parte del romanzo che ho trovato più interessante.

Le storie di Torchwood tendono a non essere piene di allegria ma “Into the Silence” è in vari modi negativo perfino per gli standard di questa serie. Oltre a Jack Harkness, Gwen Cooper e Ianto Jones, ci sono parti della storia legate a vari personaggi e in tutti i casi un tema di fondo è tipicamente quello della difficoltà nel trovare connessioni con altre persone arrivando all’estremo con un bambino autistico. Come se ciò non bastasse, i parenti delle vittime e di qualche potenziale vittima sembrano avere problemi seri.

Il problema principale di “Into the Silence” per me è che sembra fin troppo ispirato a storie viste in episodi delle serie televisive “Doctor Who” e “Torchwood”. La scarsa originalità già stimola poco l’eccitazione nel leggere un romanzo ma quando mi trovo a leggere una storia così piena di “ispirazioni” tendo a distrarmi perché finisco per pensare alle opere da cui i vari elementi sono stati presi. In questo romanzo c’è almeno di positivo che il finale include una variante meno deprimente di finali visti in altri casi.

La storia dell’alieno che uccide i cantanti diventa interessante nella parte finale di “Into the Silence”, quando vengono rivelate le ragioni delle sue azioni. È un personaggio che diventa interessante con la progressiva scoperta della sua natura. Alla fine avrei voluto che fosse maggiormente protagonista fin dall’inizio.

L’altro mio problema con “Into the Silence” riguarda la parte più soggettiva del romanzo: il canto è un tema centrale ma non riuscivo proprio a interessarmi ad esso. La combinazione con il senso di già visto mi ha portato a trovare il romanzo a volte noioso. Forse avrei avuto un’impressione diversa se Ianto fosse stato usato maggiormente in quella parte della storia, invece l’ho apprezzato nel suo ricordare Toshiko mentre usava il suo computer.

Alla fine, “Into the Silence” è un romanzo con alti e bassi e poco adatto ai miei gusti. Probabilmente chi trova interessante il canto riuscirà ad apprezzarlo maggiormente, altrimenti lo consiglio a chi vuole avere la collezione completa dei romanzi di Torchwood.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *