Star Trek: Picard – Guarda le stelle

Jean-Luc Picard (Patrick Stewart) e Guinan (Whoopi Goldberg) in Guarda le stelle (Immagine cortesia CBS All Access/ Amazon Prime Video)
Jean-Luc Picard (Patrick Stewart) e Guinan (Whoopi Goldberg) in Guarda le stelle (Immagine cortesia CBS All Access/ Amazon Prime Video)

“Guarda le stelle” (“The Star Gazer”) è il primo episodio della seconda stagione della serie “Star Trek: Picard”, che riprende dopo “Et in Arcadia Ego, Parte 2“. È disponibile negli USA sulla piattaforma di streaming CBS All Access e in molte altre nazioni su Amazon Prime Video.

Nota. Quest’articolo contiene alcuni spoiler su “Guarda le stelle”.

La USS Stargazer, comandata dal Capitano Cristobal Rios (Santiago Cabrera), viene inviata a investigare su un’anomalia spazio-temporale scoperta da 7 di 9 (Jeri Ryan). Un segnale proveniente dall’interno dell’anomalia contiene un messaggio che richiede l’aiuto di Jean-Luc Picard (Patrick Stewart), che sperava di poter passare il suo tempo libero occupandosi di produrre vino. Quando Picard arriva per rispondere al messaggio, scopre che è stato inviato dai Borg.

La seconda stagione di “Star Trek: Picard” segna per molti versi un nuovo inizio per il protagonista. La serie era iniziata con Jean-Luc Picard per molti versi isolato a causa di una frattura tra lui e la Flotta Stellare. Diciotto mesi dopo gli eventi che hanno terminato la prima stagione, Picard sembra nuovamente un eroe della Federazione e per questo motivo torna a essere coinvolto nelle attività della Flotta Stellare.

In questo nuovo inizio, l’introspezione riguarda problemi molto più personali di Jean-Luc Picard. In particolare, i problemi emersi dal suo rapporto con Laris (Orla Brady) lo spingono a chiedere consiglio a una vecchia amica, Guinan (Whoopi Goldberg). Si tratta di un modo per includere un palese fanservice, solo uno dei vari presenti in quest’episodio. Tutta la serie ha forti radici nella saga e solo i fan che conoscono bene le storie e i personaggi ripresi da altre serie possono apprezzarla pienamente.

La parte di quest’episodio incentrata su Jean-Luc Picard ha un ritmo piuttosto lento. Va bene così perché offre il tempo necessario per capire cos’è successo ai protagonisti della prima stagione nei diciotto mesi trascorsi. C’è anche il fatto che guardare Patrick Stewart recitare è sempre un piacere con interpretazioni che aggiungono forza a qualsiasi produzione.

Non manca l’azione per introdurre il nuovo arco narrativo. La ricomparsa dei Borg è un enigma e 7 di 9 sospetta che si tratti di un trucco per assimilare la Federazione a cui ricorrono perché la loro potenza è stata notevolmente ridotta perciò non possono più provarci usando la forza bruta.

La fine dell’episodio sembra introdurre quello che è stato pubblicizzato come l’elemento chiave dell’arco narrativo che caratterizza la seconda stagione. Alla fine, quest’episodio serviva come prologo per riprendere i fili della serie dopo due anni di interruzione e mi pare che lo abbia fatto in modo adeguato.

Terry Matalas è diventato showrunner aggiungendosi ad Akiva Goldsman e i due hanno scritto la sceneggiatura di quest’episodio. Matalas ha dichiarato di essere un fan di Star Trek perciò si può sperare che capisca quali elementi la rendano speciale e riesca a farli emergere. Insomma, il fanservice può anche andar bene ma serve sostanza perché una serie di Star Trek costituisca una parte significativa della saga e non si limiti a sfruttrne il nome. “Guarda le stelle” rappresenta un inizio promettente, vedremo se il seguito della stagione manterrà le promesse.

La regina Borg in Guarda le stelle (Immagine cortesia CBS All Access/ Amazon Prime Video)
La regina Borg in Guarda le stelle (Immagine cortesia CBS All Access/ Amazon Prime Video)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *