Star Trek: Discovery – Lontano da casa

Saru (Doug Jones) e Sylvia Tilly (Mary Wiseman) in Lontano da casa (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Saru (Doug Jones) e Sylvia Tilly (Mary Wiseman) in Lontano da casa (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Lontano da casa” (“Far From Home”) è il secondo episodio della terza stagione della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Quella speranza sei tu, parte 1“.

Nota. Quest’articolo contiene spoiler su “Lontano da casa”.

La USS Discovery esce dal wormhole e si trova in mezzo ad asteroidi riportando ulteriori danni per poi precipitare su un pianeta vicino. I sistemi di bordo permettono a malapena di mantenere il supporto vitale e vanno riparati al più presto. Saru (Doug Jones) e Sylvia Tilly (Mary Wiseman) si incamminano verso un’area abitata sperando di trovare assistenza.

Dopo aver visto cos’è successo a Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) dopo la sua uscita dal wormhole, il secondo episodio di questa stagione è dedicato alla USS Discovery e al suo equipaggio. Saru, al comando dell’astronave, deve dirigere le riparazioni e trovare aiuto.

Quest’episodio ha un sapore decisamente western nella parte ambientata nella città sul pianeta. Davvero, solo gli elementi tecnologici e i personaggi non umani fanno capire allo spettatore che si tratta di fantascienza perché mancavano solo i cavalli per avere un western completo. Purtroppo ciò rende la mia impressione dell’episodio peggiore rispetto al primo, nel senso che ancora una volta ho un’impressione di già visto dopo che il primo episodio ricordava “Guerre stellari”.

La parte dell’episodio ambientata sulla USS Discovery non è migliore nel senso che l’astronave sembra un rottame dopo essere precipitata sul pianeta ma ovviamente gli sforzi dei membri dell’equipaggio sopravvissuti e in grado di lavorare riescono a rimetterla almeno in parte in funzione.

Alla fine, il conflitto più significativo è quello tra Saru, che rappresenta la Federazione e i suoi valori, e Philippa Georgiou (Michelle Yeoh), che persegue i suoi obiettivi senza tanti scrupoli. Sinceramente è ben poco per un altro episodio scritto dagli showrunner Michelle Paradise e Alex Kurtzman assieme a Jenny Lumet.

“Lontano da casa” fa il suo lavoro nel senso che mostra cos’è successo alla USS Discovery e al suo equipaggio con una trama che coinvolge parecchi personaggi. Tuttavia, come il primo episodio, non ci sono sorprese, neppure nel finale, che almeno a me è sembrato ovvio. I primi due episodi della prima stagione si completano a vicenda, nel senso che hanno presentato la nuova situazione di Michael Burnham e della USS Discovery. Confesso che quest’inizio di stagione mi ha lasciato freddino e mi chiedo se non potessero fare di meglio con questi due episodi. Ancora una volta, spero che nei prossimi episodi ci sia un po’ più di fantasia nelle trame.

Philippa Georgiou (Michelle Yeoh) in Lontano da casa (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Philippa Georgiou (Michelle Yeoh) in Lontano da casa (Immagine cortesia CBS / Netflix)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *