Io sono leggenda o I vampiri di Richard Matheson

Io sono leggenda di Richard Matheson
Io sono leggenda di Richard Matheson

Il romanzo “Io sono leggenda”, conosciuto anche come “I vampiri”, (“I Am Legend”) di Richard Matheson è stato pubblicato per la prima volta nel 1954. In Italia è stato pubblicato come “I vampiri” da Longanesi nel n. 31 di “Suspense!” nella traduzione di Elisa Marpicati, da De Carlo Editore nel n. 10 di “Gamma. [Il Fantalibro]. I Capolavori della Fantascienza”, da Mondadori nel n. 143 dei “Classici Urania” nella traduzione di Lucia Milani, all’interno del n. 26 dei “Massimi della Fantascienza” nella traduzione di Valentino De Carlo, come “Io sono leggenda” nel n. 110 di “Oscar Fantascienza” e nel n. 1292 di “Urania” sempre nella traduzione di Valentino De Carlo, da Fanucci Editore nel n. 12 di “Collezione Immaginario. Dark”, nel n. 54 di “Tascabili Immaginario” e nel n. 32 di “Tascabili Immaginario Extra” nella traduzione di Simona Fefè e di nuovo da Mondadori in “Oscar Moderni Cult” nella traduzione di Giovanna Scocchera e nel n. 249 di “Urania Collezione” in una nuova traduzione integrale sempre di Giovanna Scocchera.

Le giornate di Robert Neville trascorrono alla ricerca dei vampiri che vivono nell’area attorno alla sua casa nascondendosi dalla luce del Sole per uscire dopo il tramonto. Cerca di trovarne e ucciderne il più possibile, ben sapendo che di notte verranno a cercarlo per convincerlo a uscire tentando a volte un attacco per penetrare nella sua casa.

La situazione per Robert Neville è difficile perchè per quanto ne sa è l’ultimo uomo rimasto sulla Terra dopo che una pandemia ha trasformato tutti gli altri in vampiri. Fatica a rimanere lucido e fin troppo spesso si ubriaca per sfuggire alla disperazione provocata da quella situazione. Cerca di capire l’origine e le caratteristiche del vampirismo sperando di migliorare le sue difese ma rischia sempre di commettere errori fatali.

Guardando il classico film “Dracula” di Tod Browning, Richard Matheson provò a immaginare come sarebbe il mondo in una situazione opposta, con un essere umano normale tra i vampiri. La storia che sviluppò lasciava fuori i toni da horror gotico per abbracciare il tema post-apocalittico. La cornice divenne fantascientifica con il tema del vampirismo sviluppato come malattia invece che come fenomeno soprannaturale.

Il protagonista Robert Neville pensa di essere l’unico uomo sulla Terra immune alla malattia che ha distrutto la civiltà umana ma ciò lo ha fatto diventare il bersaglio dei vampiri. Fin dall’inizio, è chiaro che la sua situazione è davvero difficile e le emozioni che prova vengono esplorate in profondità nel corso del romanzo. Mentalmente è ormai squilibrato perché è ormai da tempo che deve affrontare i vampiri da solo. L’angoscia di sapere che ogni notte potrebbe rischiare la vita ha eroso la sua lucidità mentale portandolo alla depressione.

Nonostante la situazione, Robert Neville indaga sulle cause della malattia che ha trasformato le persone in vampiri e ciò costituisce una parte importante di “Io sono leggenda”. Oggi queste interpretazioni fantascientifiche del vampirismo sono diventate comuni e sono state sviluppate in vari modi ma negli anni ’50 l’approccio di Richard Matheson era originale, anche perché i vampiri del romanzo avevano caratteristiche che mischiavano quelle dei vampiri classici con altre più tipiche degli zombie.

“Io sono leggenda” è un mix di azione, indagine scientifica sul vampirismo e introspezione con un buon equilibrio che contribuisce a rendere la storia intensa anche nei momenti in cui il ritmo è lento. Il ribaltamento del rapporto classico tra umani e vampiri porta a riflessioni su bene e male: in un mondo che ormai appartiene ai vampiri chi è il cattivo?

I vampiri di Richard Matheson
I vampiri di Richard Matheson

Tutto ciò negli anni ’50 era davvero innovativo e “Io sono leggenda” influenzò la letteratura e anche il cinema di vari generi. Il romanzo è stato adattto in vari media ma gli adattamenti più celebri sono i tre film, anche se non sempre fedelissimi. Ha ispirato anche altri film: ad esempio, nel 1968 George Romero lanciò l’apocalisse zombie con “La notte dei morti viventi” (“Night of the Living Dead”) usando il romanzo di Richard Matheson come ispirazione.

“Io sono leggenda” ha toni davvero cupi che, assieme a certi momenti piuttosto brutali, possono scoraggiare qualche lettore sensibile. Tuttavia, si tratta di un romanzo che a decenni di distanza è ancora straordinario perciò ne consiglio la lettura senza pensare a etichette di genere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *