Un tuffo nel relitto di Kristine Kathryn Rusch

Un tuffo nel relitto di Kristine Kathryn Rusch
Un tuffo nel relitto di Kristine Kathryn Rusch

Il romanzo breve “Un tuffo nel relitto” (“Diving into The Wreck”) di Kristine Kathryn Rusch è stato pubblicato per la prima volta nel 2009. Fa parte dell’universo delle Immersioni. In Italia è stato pubblicato da Delos Digital nel n. 6 di “Biblioteca di un sole lontano” nella traduzione di Alessandro Rossi.

Boss ha assoldato un team per esplorare il relitto di un’astronave che ha trovato alla deriva nello spazio. Potenzialmente si tratta di un tesoro perché i manufatti che può recuperare possono valere molto e antiche tecnologie perdute possono valere una vera fortuna. Le operazioni di recupero sono sempre pericolose perché è impossibile sapere cosa c’è in un relitto, soprattutto quando sembra risalire a millenni prima ed è in un luogo nello spazio molto lontano da quelli che astronavi così antiche potevano raggiungere.

Kristine Kathryn Rusch ha ambientato una serie di opere in quello che è stato chiamato l’universo delle Immersioni. Per certi versi può essere incluso nel sottogenere della fantascienza archeologica perché i personaggi cercano ed esplorano relitti (vi si immergono…) di astronavi che in quel futuro possono essere antiche perfino di millenni.

“Un tuffo nel relitto” è narrato in prima persona da una cacciatrice di relitti di cui non viene mai detto il nome e viene generalmente chiamata Boss. Spera sempre di trovare un bel bottino ma per lei c’è anche una componente di curiosità in un futuro in cui molte tecnologie sono state dimenticate e reinventate nel corso di molti secoli. D’altra parte, c’è anche la componente del pericolo sempre presente e soprattutto nella prima parte di questo romanzo breve Boss è molto esplicita nel parlare di ciò che può andare male durante un’immersione.

L’autrice imposta il tono della storia, che è da subito all’insegna della tensione, raccontando i preparativi per l’immersione e le prime operazioni. Si tratta di momenti durante i quali i membri del team si trovano di fronte all’ignoto. Il relitto è molto antico e ciò aggiunge potenziali pericoli tra possibili degradi strutturali e la presenza di apparecchiature che non funzionano più correttamente ma proprio per quello possono diventare trappole.

Il relitto rappresenta un mistero perché Boss ha stabilito che risale a circa 5.000 anni prima ma all’epoca le astronavi viaggiavano ben più vicine alla Terra. La scoperta che il bottino potrebbe essere davvero grosso non fa che aumentare la tensione per il potenziale pericolo.

Il colpo di scena mi ha ricordato un episodio di “Star Trek: The Next Generation” ma Kristine Kathryn Rusch sviluppa il suo romanzo breve in modo ben diverso. Quella scoperta permette di sviluppare ancor di più i rapporti tra i personaggi, ben gestiti per una storia narrata in prima persona, e i problemi etici e morali legati alle conseguenze delle scelte che devono compiere.

Secondo me, “Un tuffo nel relitto” è un romanzo breve che mantiene bene la tensione nel corso della storia e alla fine lascia alcuni spunti di riflessione. Per questo motivo nel consiglio la lettura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *