Un possibile incrocio tra gli antenati di Neanderthal e Denisova e altri ominini di una specie più antica

Albero evolutivo di incroci tra ominini
Un articolo pubblicato sulla rivista “Science Advances” riporta le tracce di un incrocio tra gli antenati di Neanderthal e Denisova con una popolazione appartenente a un’altra specie di ominini definiti superarcaici perché probabilmente si sono separati dagli altri umani circa 2 milioni di anni fa. Un team di ricercatori guidato dall’antropologo Alan Rogers ha studiato i modi in cui le mutazioni sono condivise tra varie popolazioni di Homo sapiens, Neanderthal e Denisova, concludendo che certi schemi di condivisione indicano che ci sono stati cinque episodi di incrocio tra specie compreso quello avvenuto oltre 700.000 anni fa tra ominini superarcaici e antenati di Neanderthal e Denisova.

Negli ultimi anni i progressi nelle tecniche genetiche hanno permesso di ricavare DNA da ossa di Neanderthal e Denisova ben conservate, offrendo la possibilità di compiere anche confronti genetici tra queste specie di ominini e gli Homo sapiens. La conseguenza è stata la progressiva ricostruzione di migrazioni e di incroci tra specie diverse che continuano a offrire nuove sorprese perché rimangono ancora diversi misteri. Il professor Alan Rogers dell’Università dello Utah aveva già diretto uno studio pubblicato nel settembre 2017 sulla rivista “PNAS” riguardante la parte iniziale della storia di Neanderthal e Denisova ma altri due antropologi, Fabrizio Mafessoni e Kay Prüfer, avevano ottenuto risultati diversi da studi analoghi. Il nuovo studio guidato da Alan Rogers potrebbe risolvere la controversia.

I ricercatori hanno studiato i modi in cui le mutazioni sono condivise tra varie popolazioni di Homo sapiens, Neanderthal e Denisova. Hanno ottenuto uno schema di condivisione che implica che vi siano stati cinque episodi di incroci tra i quali uno che era in precedenza sconosciuto. Secondo la ricostruzione, questo nuovo incrocio scoperto è avvenuto oltre 700.000 anni fa tra una popolazione di ominini che è stata definita superarcaica che si è separata dagli altri umani circa due milioni di anni fa e gli antenati di Neanderthal e Denisova.

Finora le prove di incroci riguardavano specie che si sono separate in tempi relativamente recenti, ad esempio Homo sapiens e Neanderthal si erano separati da circa 750.000 anni quando si sono incrociati. La parentela con gli ominini superarcaici è più lontana dato che all’epoca del loro incrocio si erano separati dagli antenati di Neanderthal e Denisova da ben oltre un milione di anni.

L’immagine (Cortesia Alan Rogers et al. Tutti i diritti riservati) mostra un albero evolutivo che include quattro episodi di flusso genetico tra specie. L’incrocio che non era conosciuto è quello indicato in arancione risalente a un tempo stimato in 744.372 anni fa.

Usando anche le tracce dei vari incroci, i ricercatori hanno proposto tre ondate di migrazioni in Eurasia dall’Africa. La prima ondata avvenne due milioni di anni fa da parte dei superarcaici. 700.000 anni fa gli antenati di Neanderthal e Denisova migrarono e si incrociarono con i superarcaici. Gli Homo sapiens migrarono in Eurasia circa 50.000 anni fa e si incrociarono con altri ominini.

Questo tipo di studio dev’essere analizzato per verificare la compatibilità con altre stime ed eventualmente cercare di capire i motivi di incongruenze con altre datazioni. Ad esempio, un altro articolo pubblicato recentemente sulla rivista “Science Advances” riporta una ricerca genetica che offre prove che alcune popolazioni dell’Africa occidentale hanno ereditato una parte dei loro geni da una specie sconosciuta di ominini. Si tratta dei superarcaici o di un’altra specie ancora?

Se fosse possibile ricavare DNA da ossa di Homo erectus e Homo heidelbergensis, due specie più antiche che potrebbero essersi incrociate con altri ominini, le ricerche potrebbero fare un bel salto in avanti. Per ora gli studi genetici su umani moderni, Neanderthal e Denisova mostrano sempre di più la complessa storia genetica degli Homo sapiens.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *