Un fossile di un cefalopode del Giurassico con un dente di uno pterosauro mostra un antico tentativo di caccia

Fossile di Plesioteuthis subovata
Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” presenta uno studio che porta prove del fatto che alcuni pterosauri mangiassero cefalopodi. Un team di ricercatori guidato dal paleontologo René Hoffmann dell’Università della Ruhr a Bochum (Ruhr-Universität Bochum, RUB) ha esaminato fossili di un animale simile a una seppia della specie Plesioteuthis subovata che visse circa 150 milioni di anni fa, nel periodo Giurassico, conservato con un dente di uno pterosauro della specie Rhamphorhynchus muensteri. Questa scoperta fornisce informazioni sulle abitudini alimentari di questo pterosauro e del fatto che quel cefalopode vivesse vicino alla superficie dell’acqua.

Gli Pterosauri (ordine Pterosauria) sono apparsi nel periodo Triassico superiore, quasi 230 milioni di anni fa. Questi rettili furono i primi vertebrati volanti ed ebbero grande successo perché si diversificarono occupando una serie di nicchie nel corso del periodo Cretaceo con dimensioni molto variabili per cui la loro apertura alare poteva andare da 50 centimetri scarsi a oltre 10 metri. Il Rhamphorhynchus muensteri era relativamente piccolo, con un’apertura alare inferiore ai 2 metri, e si nutriva soprattutto di pesci e di altri piccoli animali acquatici.

Le due specie attualmente riconosciute del genere Plesioteuthis, P. prisca e P. subovata, sono state descritte per la prima volta nel XIX secolo grazie a ritrovamenti nella formazione Altmühltal, un deposito di fossili vicino alla città di Solnhofen, in Germania. Lì sono stati trovati fossili conservati in modo eccezionale, al punto da includere organismi dal corpo molle come i cefalopodi a cui appartiene il genere Plesioteuthis. Questi molluschi erano simili alle odierne seppie, con un gladio, la struttura conosciuta comunemente come osso di seppia, che poteva essere lungo anche 30 centimetri. Un esemplare di P. subovata ha rivelato la presenza di quello che si è rivelato un dente di pterosauro.

Il team di René Hoffmann ha esaminato il fossile di Plesioteuthis subovata sotto luce ultravioletta e ciò ha permesso di stabilire che il dente di pterosauro è incorporato nel fossile di cefalopode, il cui corpo molle è ora fosfatato, dato che ha subito un particolare processo che ha portato alla sua fossilizzazione. Ciò significa che è estremamente improbabile che il fatto che i fossili di questi due animali siano stati trovati assieme sia casuale. La forma del dente ha mostrato le notevoli similitudini con quelli di Rhamphorhynchus muensteri ed è stato attribuito a un individuo adulto di questa specie.

L’immagine in alto (fotografie cortesia J. Härer. Tutti i diritti riservati) mostra il fossile di Plesioteuthis subovata (A): Un esemplare adulto, lungo 28 cm, conservato con sacca e dotto di inchiostro, complesso testa-braccio, muscolatura del mantello ben conservata (striatura trasversale) e dente di pterosauro (B). Primo piano della corona del dente Rhamphorhynchus muensteri lunga 19 mm, leggermente curva, in condizioni di luce normale (C). La luce ultravioletta (UV) rivela che l’apice del dente è parzialmente coperto con tessuto del mantello ora fosfatato (D). Parte posteriore del campione con lievi impronte che rappresentano probabilmente una pinna terminale, ma la luce UV non fornisce alcuna prova della muscolatura della pinna (E). Il margine del mantello posteriore è incompleto e una struttura diritta con una doppia chiglia tipica di P. subovata fornisce prove del gladio.

Probabilmente il Rhamphorhynchus muensteri si nutriva di animali acquatici catturandoli mentre volavano direttamente sopra la superficie dell’acqua. L’immagine in basso (Cortesia Christian Klug / Beat Scheffold. Tutti i diritti riservati) mostra una ricostruzione artistica di quel tipo di comportamento con la cattura di un esemplare di Plesioteuthis subovata.

Questa ricerca mostra la prima prova diretta di un’interazione predatore-preda tra pterosauri e cefalopodi. È improbabile che un Rhamphorhynchus muensteri si sia rotto un dente cercando di mangiare una carcassa, anche perché sarebbe finita sul fondo dell’acqua dopo la morte dell’animale. In sostanza, tutto fa pensare a un tentativo di cattura di una preda non riuscito. Non è chiaro se il Plesioteuthis subovata sia morto in seguito alla ferita subita o se sia sopravvissuto con il dente dello pterosauro rimasto incastrato nel suo corpo.

Un ritrovamento fortunato ha offerto nuove informazioni sui comportamenti predatori dei Rhamphorhynchus muensteri, della loro dieta e del fatto che i Plesioteuthis subovata vivessero normalmente vicini alla superficie dell’acqua. È impossibile ricostruire completamente la storia di quella caccia rimasta senza successo ma questi rari casi sono sempre utili perché offrono una sorta di istantanea di eventi antichissimi.

Un Rhamphorhynchus muensteri tenta di catturare un Plesioteuthis subovata

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *