Un tesoro di fossili risalenti al periodo successivo all’estinzione di massa che eliminò i dinosauri


Un articolo pubblicato sulla rivista “Science” riporta uno studio di fossili trovati nel sito di Corral Bluffs, in Colorado, negli USA, risalenti a un periodo che abbraccia circa un milione di anni dopo l’estinzione di massa che eliminò i dinosauri e molte altre specie. Un team di ricercatori guidati da Tyler Lyson e Ian Miller del Denver Museum of Nature and Science ha esaminato quelli che si sono rivelati fossili di notevole qualità di molte specie di animali e piante, pollini inclusi, del periodo in cui le forme di vita si ripresero dopo la grande estinzione.

I paleontologi stimano che circa il 75% delle specie esistenti al momento dell’impatto di un gigantesco meteorite si estinsero a causa della devastazione causata da incendi e da ceneri e polveri che riempirono l’atmosfera terrestre oscurando il mondo. La scarsità di fossili risalenti al periodo successivo all’estinzione rende difficile capire come avvenne la successiva ripresa, un problema comune nel campo della paleontologia. La fortunata scoperta di quello che si è rivelato un tesoro dal punto di vista scientifico nel sito di Corral Bluffs potrebbe offrire informazioni preziose sull’evoluzione delle forme di vita sopravvissute all’inizio del periodo Paleogene.

L’immagine in alto (Cortesia Frank Verock/HHMI Tangled Bank Studios via AP. Tutti i diritti riservati) mostra alcuni crani di mammiferi scoperti nel sito di Corral Bluffs. L’immagine in basso (Cortesia Frank Verock/HHMI Tangled Bank Studios via AP. Tutti i diritti riservati) mostra alcuni fossili di piante scoperte nel sito di Corral Bluffs.

I fossili scoperti mostrano che i mammiferi più grandi sopravvissuti all’estinzione di massa pesavano meno di mezzo chilo, 100.000 anni dopo i più grandi pesavano attorno ai 6 kg e dopo altri 200.000 anni i più grandi pesavano attorno ai 20 kg. Si tratta di una ripresa notevole, che andò di pari passo con quella di altri animali e di piante, delle quali anche i pollini fossili aiutano a ricostruire la storia. Palme e successivamente alberi da noce si diffusero e diversificarono. Circa 700.000 anni dopo l’estinzione di massa i fossili mostrano l’apparizione dei primi legumi e a quel punto i mammiferi più grandi pesavano attorno ai 45 kg.

L’estinzione dei dinosauri, del cui gruppo sopravvissero solo i loro discendenti uccelli, lasciò varie nicchie ecologiche totalmente vuote. Per i mammiferi sopravvissuti si trattò di un vantaggio perché quelli che trovarono abbastanza cibo non dovettero preoccuparsi di possibili predatori. Nel lungo periodo, la ripresa delle piante e la comparsa dei legumi permisero ai mammiferi di trovare più cibo portando a una notevole crescita delle loro dimensioni nel giro di un milione di anni, un tempo breve dal punto di vista evoluzionistico.

Si tratta di scoperte molto interessanti e nel sito di Corral Bluffs potrebbero esserci ancora fossili importanti per capire cosa avvenne dopo l’estinzione di massa di 66 milioni di anni fa. Tuttavia, si tratta di un’area geografica limitata perciò la storia di quell’ecosistema non può essere facilmente estesa al resto del mondo dell’epoca. Un confronto con altri fossili di quel periodo trovati in altre aree è importante per verificare similitudini e differenze. Ogni nuova scoperta relativa a quel periodo offre informazioni su quel che succede durante un’estinzione di massa e nel periodo successivo, importanti per capire eventi catastrofici e le loro conseguenze.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *