Una rapida acidificazione degli oceani dopo l’impatto che provocò l’estinzione dei dinosauri


Un articolo pubblicato sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences” riporta uno studio su foraminiferi fossili risalenti al periodo precedente e successivo alla grande estinzione che eliminò i dinosauri. Un team di ricercatori guidato da Michael Henehan del GFZ German Research Centre for Geosciences ha esaminato in particolare gli isotopi di carbonio e boro nei gusci calcarei di organismi appartenenti al gruppo dei foraminiferi scoprendo le tracce di un’acidificazione degli oceani causata dall’impatto dell’enorme meteorite che determinò quella grande estinzione.

Alcuni dubbi sulla grande estinzione avvenuta alla fine del periodo Cretaceo riguardavano il ruolo del vulcanismo. Alcune ricerche degli ultimi anni hanno offerto prove della sequenza degli eventi che vede il grande impatto e successivamente l’attività vulcanica. Ora questa nuova ricerca offre altre prove dell’impatto come causa diretta di quell’estinzione esaminando il collasso della popolazione di foraminiferi e la loro ripresa.

I Foraminiferi (Foraminifera) costituiscono un grande gruppo di organismi marini la cui classificazione tassonomica è cambiata nel tempo. Tipicamente hanno come protezione un guscio di carbonato di calcio, una caratteristica molto utile nelle indagini sull’acidificazione degli oceani perché il suo aumento interferisce con la formazione di quei gusci e può raggiungere livelli che impediscono la sopravvivenza dei foraminiferi che vivono in quelle acque.

Il team di Michael Henehan ha esaminato foraminiferi fossili risalenti alla fine del periodo Cretaceo e all’inizio del periodo successivo, il Paleogene. L’indagine ha riguardato sia foraminiferi bentonici, quelli che vivevano sui fondali marini, che quelli planctonici, quelli che vivevano vicini alla superficie. L’esame degli isotopi di carbonio e boro in quei fossili indica che vi fu una rapida acidificazione degli oceani subito dopo l’impatto del meteorite gigante e una lenta ripresa in cui il ciclo del carbonio raggiunse un nuovo equilibrio.

In particolare, la grotta di Geulhemmerberg, in Olanda (foto cortesia Michael Henehan. Tutti i diritti riservati), ha rappresentato un deposito di fossili importante in questa ricerca grazie a uno spesso strato di roccia in corrispondenza del confine Cretaceo-Paleogene. Uno strato così spesso di rocce argillose è raro e contiene informazioni sulle immediate conseguenze dell’impatto utili a provare che si tratta di conseguenze dirette e rapide in termini geologici e biologici. La quantità di sedimenti ha permesso di estrarre abbastanza fossili da analizzare per esaminare quella transizione. I segni dell’acidificazione cominciano in corrispondenza dell’impatto in modo improvviso, senza alcun indizio di una crescita progressiva.

Ci vollero milioni di anni prima che flora e fauna si riprendessero e occupassero nicchie ecologiche rimaste vuote dopo la grande estinzione. Questa ricerca fornisce nuove informazioni su quegli eventi, in particolare sulle conseguenze per gli oceani.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *