Ares Express di Ian McDonald

Ares Express di Ian McDonald (edizione americana)
Ares Express di Ian McDonald (edizione americana)

Il romanzo “Ares Express” (“Ares Express”) di Ian McDonald è stato pubblicato per la prima volta nel 2001. È il seguito di “Desolation Road“. In Italia è stato pubblicato da Zona 42 nella traduzione di Chiara Reali.

Sweetness Octave Glorious Honey-Bun Asiim XII Macchinista è nata in una famiglia che da generazioni fa funzionare il Trasportatore a Fusione Pesante delle Ferrovie Bethlehem Ares Classe 22 Caterina di Tharsis, uno dei treni che viaggiano per il pianeta Marte. Il suo sogno è di guidarlo ma ci sono regole che impediscono alle donne di farlo e la sua famiglia le ha combinato un matrimonio che non vuole.

Sweetness decide di andarsene e si trova a essere parte di una storia che abbraccia possibili futuri perché la realtà può essere fluida. Le possibilità alternative sono moltissime, gestite da tecnologie talmente avanzate da essere simili alla magia perché il confine tra intelligenze artificiali e angeli può essere labile.

Nel suo romanzo d’esordio “Desolation Road” del 1988, Ian McDonald aveva presentato un pianeta Marte terraformato ambientando gran parte della storia in una sorta di oasi nel deserto che anche in quel futuro occupa gran parte del pianeta. Nel 2001, ha scritto un seguito che però è molto diverso. “Ares Express” è sempre ambientato su quel Marte futuro ma per il resto ha solo alcune connessioni piuttosto vaghe con il primo romanzo, al punto che essi possono essere letti in modo indipendente l’uno dall’altro.

“Desolation Road” era già un romanzo per il quale l’uso di etichette era limitante, ciò è vero anche per “Ares Express”. Entrambi sono romanzi di fantascienza ma Ian McDonald usa elementi di generi e sottogeneri nel modo che ritiene migliore per ciò che vuole raccontare. In particolare, per entrambi i romanzi viene citato quello che viene chiamato realismo magico con riferimenti a tecnologie avanzatissime il cui uso porta a effetti che possono essere indistinguibili dalla magia.

In “Ares Express”, Ian McDonald si concentra sugli enormi treni che viaggiano su Marte con famiglie che li fanno funzionare tramandando il loro lavoro di generazione in generazione. I progressi tecnologici sono stati notevoli ma dal punto di vista umano quel futuro sembra retrogrado perché ci sono rigide regole che ad esempio impediscono alle donne di guidare quei treni. Sweetness vorrebbe solo guidare il treno su cui tante generazioni della sua famiglia sono vissute, invece si trova a vivere una sorta di quest dopo aver deciso di scappare da un matrimonio combinato.

Il viaggio di Sweetness le offre la possibilità di incontrare una grande varietà di persone nei diversi luoghi attraverso cui passa interagendo con esse in tanti modi. La trama diventa presto complessa, a volte anche contorta tra tante sorprese e per il fatto che la protagonista stessa ha una certa consapevolezza di essere l’eroina di una storia.

A volte il ritmo soffre a causa di una certa esposizione ma i dettagli su tutto ciò che c’è attorno a Sweetness costituiscono una parte importante della storia. Ambientazione, personaggi che vanno e vengono, idee varie e altro ancora sono significative in questo romanzo. Ciò comporta una certa frammentazione per una storia che è come un mosaico con la protagonista al centro e tanti elementi attorno a lei.

“Ares Express” è un caso in cui anche lo stile diventa parte della sostanza. Ian McDonald scrive romanzi con stili diversi, usando il linguaggio in modo diverso a seconda del modo che secondo lui si adatta meglio a una certa storia. Nei due romanzi marziani il linguaggio è particolare ricco e suggestivo.

Per certi versi “Ares Express” è ancor più difficile da leggere di “Desolation Road” dato che Ian McDonald aggiunge altri livelli di complessità per andare oltre una storia che riguarda l’umanità. È un romanzo in cui le reazioni possono essere davvero molto soggettive a causa della complessità e dello stile sofisticato dell’autore. È più che mai un’opera che consiglio a chi apprezza le miscele di generi e sottogeneri e in generale a chi cerca qualcosa di originale e diverso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *