La vendetta dei Quintaglio di Robert J. Sawyer

La vendetta dei Quintaglio di Robert J. Sawyer
La vendetta dei Quintaglio di Robert J. Sawyer

Il romanzo “La vendetta dei Quintaglio” (“Foreigner”) di Robert J. Sawyer è stato pubblicato per la prima volta nel 1994. È il terzo libro della trilogia Quintaglio e segue “Progetto Quintaglio“. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1671 di “Urania” nella traduzione di Annarita Guarnieri.

Afsan ha un incidente e rimane ferito seriamente ma sopravvive e i tessuti danneggiati cominciano a rigenerarsi. Inaspettatamente, anche i suoi occhi cominciano a ricrescere ma quando sono completi lui non riesce comunque a vedere nulla. Il suo problema potrebbe essere mentale perciò comincia a vedere Mokleb, che sta sviluppando la nuova scienza della psicoanalisi.

Novato continua il suo studio dell’arca Jijaki assieme ai suoi assistenti ma accidentalmente attivano un sistema ancora funzionante che inizia la formazione di una torre che si estende fino allo spazio. Toroca continua le sue esplorazioni e in un remoto arcipelago scopre l’esistenza di un’altra specie di sauri senzienti ma gli altri Quintaglio reagiscono con furia territoriale solo vedendoli.

Nei primi due romanzi della trilogia Quintaglio, Robert J. Sawyer aveva raccontato lo sviluppo di astronomia ed evoluzionismo da parte di Afsan e di suo figlio Toroca. Ne “La vendetta dei Quintaglio” presenta un’applicazione della psicoanalisi, che appare già sviluppata da Mokleb, una femmina Quintaglio non imparentata con gli altri protagonisti che può essere considerata l’equivalente di Sigmund Freud.

Afsan è quello che ha bisogno dei servigi di Mokleb perché soffre di incubi continui e i suoi nuovi occhi non sembrano funzionare anche se gli esami medici non riscontrano problemi fisici. Afsan è stato fin dal primo romanzo il grande protagonista offrendo ai Quintaglio non solo conoscenze scientifiche ma anche una speranza per il futuro dopo la scoperta che la luna su cui vivono ha un’orbita instabile che la porterà alla distruzione. La differenza ne “La vendetta dei Quintaglio” è che le sorprese legate ad Afsan sono il frutto di un suo viaggio interiore compiuto assieme a Mokleb.

Il ruolo di Novato e Toroca era già stato importante, ne “La vendetta dei Quintaglio” le loro nuove scoperte cambiano ancora una volta la situazione continuando a sviluppare le sottotrame iniziate in “Progetto Quintaglio”. La scoperta degli Altri, un’altra specie di sauri senzienti, che hanno costruito una loro civiltà sull’altro lato della luna abitata dai Quintaglio, crea la minaccia di un confitto ma anche la speranza di una collaborazione. Il confronto tra le due specie costringe soprattutto Toroca a riflettere su problemi, anche etici e morali, legati al loro possibile futuro.

Robert J. Sawyer riesce a mescolare vari elementi scientifici con ulteriori sviluppi dei protagonisti e di altri personaggi importanti in un romanzo non molto lungo che contiene anche parecchia azione. Fin dall’inizio della trilogia le scoperte dei protagonisti hanno portato conseguenze importanti con ripercussioni sia personali che sulla loro civiltà. “La vendetta dei Quintaglio” rappresenta in questo senso il culmine di tutto ciò che è avvenuto nei romanzi precedenti. Secondo me si tratta di una degna conclusione della storia personale di Afsan.

Tutta la trilogia Quintaglio è allegorica, non solo nella storia dello sviluppo di varie scienze ma anche nelle scelte che devono essere fatte quando quello sviluppo rivela verità che possono essere scomode quando contraddicono tradizioni e dogmi. Ne “La vendetta dei Quintaglio” la speranza di sopravvivenza dei Quintaglio viene legata al superamento di un vero e proprio disturbo mentale scoperto grazie alla psicoanalisi.

La trilogia Quintaglio forma un’unica grande storia in cui lo sviluppo del personaggio di Afsan è parallelo ai grandi cambiamenti nella civiltà di questi tirannosauri senzienti. Per questo motivo è necessario leggerla tutta per apprezzarla davvero. Secondo me “La vendetta dei Quintaglio” la conclude in modo soddisfacente perciò ne consiglio la lettura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *