Una proposta per ricostruire i colori degli animali fossili


Un articolo pubblicato sulla rivista “Biological Reviews” presenta uno studio sulla pigmentazione degli animali fossili. Un team di ricercatori ha proposto una serie di passi per ricostruire la pigmentazione di una specie basandosi su esami specifici dei fossili e, se non vengono trovate informazioni, basandosi su ipotesi riguardanti fisiologia, ecologia e comportamento dell’animale esaminato. Lo scopo è migliorare ed espandere le conoscenze attuali sull’argomento.

Conoscere il colore o i colori di un animale non è solo una questione puramente estetica ma ha una serie di implicazioni connesse alla sua vita dato che i colori possono avere ragioni fisiologiche, mimetiche, di richiamo sessuale e altro ancora. In sostanza, i colori forniscono informazioni che possono essere importanti per capire come viva una specie ma i pigmenti si conservano raramente nei fossili e anche quando ne rimangono tracce sono necessari esami sofisticati per trovarli ed esaminarli.

La melanina è il pigmento che si conserva meglio e ciò ha permesso di scoprirne tracce in fossili che vanno dai dinosauri agli uccelli primitivi, dai rettili ai mammiferi. In particolare, il modo di pensare ai colori dei dinosauri è cambiato notevolmente nel corso dei decenni, in buona parte grazie alle tante scoperte delle loro parentele con gli uccelli. Conoscere la loro pigmentazione significa ad esempio capire meglio l’evoluzione dei dinosauri piumati che ha portato all’origine degli uccelli. In moltissimi casi le ricostruzioni artistiche sono ancora molto fantasiose ma pian piano gli studi riguardanti pigmenti fossili stanno fornendo dati reali.

C’è ancora molto da fare in questo campo ed è per questo motivo che il dottor Michael Pittman del Laboratorio di paleontologia dei vertebrati al Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Hong Kong ha guidato un team di ricercatori che ha cercato di fornire una metodologia per ricostruire in modo fedele i colori di animali estinti. Essa si articola in quattro passi:

  1. Mappare i colori conosciuti e gli schemi dell’esemplare.
  2. Cercare microstrutture che contengono pigmenti usando il microscopio elettronico.
  3. Se non vengono trovati colori basati su melanina, usare tecniche di analisi chimica per rilevare biomarcatori di altri pigmenti.
  4. Usare colori e schemi ricostruiti per testare ipotesi fondamentali collegate alla fisiologia, all’ecologia e al comportamento dell’animale.

L’immagine (Cortesia HKU MOOC / Julius T Csotonyi / Michael Pittman. Tutti i diritti riservati) mostra una ricostruzione di un Anchiornis huxleyi, un piccolo dinosauro piumato che visse circa 160 milioni di anni fa nell’attuale Cina, basata su prove legate alla presenza di melanina.

I ricercatori fanno notare che oggi non esiste alcuna metodologia formalizzata per tutti i casi di ricostruzione dei colori dei fossili e che i limiti sulla conservazione dei tessuti biologici con i problemi legati alla loro gestione vanno tenuti presenti. La loro proposta potrebbe aiutare a compiere un passo avanti nella scoperta dei veri colori di molti animali preistorici e capire meglio come vivessero.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *