I cambiamenti nel cervello dello Psittacosaurus lujiatunensis nel passaggio da quadrupede a bipede


Un articolo pubblicato sulla rivista “PeerJ” riporta uno studio sullo sviluppo della struttura cranica dello Psittacosaurus lujiatunensis nel corso della sua crescita. Un team guidato da Claire Bullar dell’Università britannica di Bristol ha esaminato dozzine di fossili appartenenti a questa specie concentrandosi in particolare sui teschi per capirne la crescita. Ciò offre anche maggiori informazioni sul cambio di locomozione dato che nascevano quadrupedi ma erano bipedi in età adulta.

Il genere Psittacosaurus è stato ampiamente studiato grazie al ritrovamento di centinaia di fossili in varie parti dell’Asia con un’età tra 126 e 101 milioni di anni e quindi risalenti al periodo Cretaceo. Erano cugini del celebre Triceratops, che però era un normale quadrupede. Una ricerca sul cambio di locomozione e quindi di postura nello Psittacosaurus lujiatunensis era già stata riportata in un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Communications” nel giugno 2013 e due membri di quel team, Qi Zhao e Michael J. Benton, hanno partecipato anche a questa nuova ricerca concentrata sui cambiamenti nel cranio di questo dinosauro nel corso della sua crescita.

Molti crani fossili sono stati sottoposti a una TAC ad elevata qualità per ottenere modelli tridimensionali. Il loro esame ha rivelato che nel corso della maturazione gli esemplari adolescenti di Psittacosaurus lujiatunensis puntavano la loro testa in avanti, non verso il basso, indicando che all’età di qualche anno già avevano una locomozione bipede. Altre prove di quel cambiamento deriva dalla forma del cranio, che mostra lo sviluppo del cervello, e nello sviluppo degli arti, con quelli posteriori che dopo qualche anno diventavano decisamente più robusti.

L’immagine (Claire Bullar et. al. https://doi.org/10.7717/peerj.7217/fig-32 ) mostra la postura dello Psittacosaurus lujiatunensis appena nato (A), a qualche anno di età (B) e da adulto (C). In particolare viene mostrata la posizione della testa.

Tra i dinosauri, era più comune nascere bipedi per poi diventare quadrupedi con la crescita, mentre nelle specie del genere Psittacosaurus avveniva l’opposto. È un motivo per cui esse sono state studiate negli anni, compresa la specie Psittacosaurus lujiatunensis. Il professor Michael Ryan della Carleton University di Ottawa, in Canada, uno degli autori della ricerca, ha spiegato che il passaggio da bipede a quadrupede avveniva quando il dinosauro diventava molto grosso ma lo Psittacosaurus lujiatunensis raggiungeva i due metri di lunghezza e forse come bipede riusciva a correre più veloce per sfuggire ai predatori.

I dinosauri del genere Psittacosaurus sono interessanti anche per altri motivi: ad esempio, un articolo pubblicato sulla rivista “Current Biology” nel settembre 2016 descriveva le capacità mimetiche di uno di essi. Le tecnologie moderne danno la possibilità di compiere analisi approfondite dei fossili grazie a scansioni di elevata qualità e riproduzioni tridimensionali, in questo caso per capire meglio le caratteristiche di questi curiosi dinosauri.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *