L’Heracles inexpectatus era un pappagallo gigante che visse 19 milioni di anni fa


Un articolo pubblicato sulla rivista “Biology Letters” riporta la scoperta di una specie di pappagalli giganti che vissero circa 19 milioni di anni fa, nel periodo Miocene, nell’attuale Nuova Zelanda. Un team di paleontologi ha chiamato questa specie Heracles inexpectatus, l’Ercole dei pappagalli con il suo metro di altezza e un becco massiccio utile per procurarsi il cibo. Era grande circa il doppio del kakapò, il più grande pappagallo vivente e per questo motivo è stato soprannominato Squawkzilla.

La Nuova Zelanda era già conosciuta per la presenza, soprattutto nel passato, di uccelli appartenenti a specie di dimensioni davvero notevoli, dal moa al dodo e altre ancora compreso quello che finora era considerato il più grande tra i pappagalli, il kakapò (Strigops habroptilus). Ciò rende nuove scoperte non particolarmente sorprendenti, tuttavia il fatto che la nuova specie sia grande il doppio del kakapò la rende interessante.

Nell’area dell’attuale San Bathans, in Nuova Zelanda, nel periodo Miocene l’ecosistema si riprese dopo che l’80% dell’attuale territorio era rimasto sommerso nel corso del periodo precedente, l’Oligocene. Durante il Miocene, nell’area c’era un ambiente lacustre. L’isolamento e i vari cambiamenti ambientali avvenuti nel corso di milioni di anni diedero vita a una fauna locale davvero particolare e quel deposito di fossili sta aiutando a ricostruirne la storia.

Nel 2008 nell’area di San Bathans vennero scoperte due tibiotarsi, ossa degli arti inferiori, che inizialmente vennero attribuite a una specie di antiche aquile. Recentemente, un team guidato da Trevor Worthy, professore associato alla Flinders University, ha esaminato quelle tibiotarsi con conclusioni ben diverse dato che le ha attribuite a un pappagallo gigante.

L’immagine in alto (Cortesia PhyloPic / T.M. Keesey / Worthy et al. Tutti i diritti riservati) confronta la tibiotarsi quasi completa (a,b,f) e l’altra (g) di Heracles inexpectatus con quelle di kakapò. Le due piccole immagini confrontano le dimensioni del pappagallo gigante appena identificato con quelle di un essere umano. I ricercatori hanno stimato che fosse alto circa un metro ma era molto leggero, con un peso stimato attorno ai 7 kg.

Un pappagallo grande come l’Heracles inexpectatus doveva avere un becco notevole, forse capace di fare a pezzi ogni cibo. Senza resti del becco è difficile avere un’idea precisa della dieta di questo uccello perché tra i suoi cugini ci sono specie erbivore e specie onnivore con diverse conformazioni del becco. Per una specie così grande potrebbe essere stato più facile trovare le calorie necessarie alla sopravvivenza mangiando anche carne.

Per il momento ci sono molte domande e poche risposte riguardo all’Heracles inexpectatus dato che molte informazioni sono state ottenute dalle due tibiotarsi scoperte e dedotte tenendo presente le caratteristiche dei pappagalli conosciuti. Ulteriori studi dell’ambiente in cui viveva potrebbero fornire altre indicazioni, ad esempio sulla possibile dieta di questo pappagallo. Le ricerche su quell’ambiente unico continuano per capire meglio la storia di questa e altre specie sorprendenti.

Ricostruzione artistica dell'Heracles inexpectatus (Immagine cortesia Dott. Brian Choo, Flinders University)
Ricostruzione artistica dell’Heracles inexpectatus (Immagine cortesia Dott. Brian Choo, Flinders University)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *