Sequenziato il DNA del drago di Komodo

Drago di Komodo (Foto Midori)
Drago di Komodo (Foto Midori)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Ecology & Evolution” riporta un sequenziamento completo del DNA del drago di Komodo, la più grande lucertola oggi esistente. Una collaborazione tra gli Istituti Gladstone, l’Università della California a San Francisco e lo Zoo di Atlanta che include ricercatori delle Università di Firenze e di Padova ha portato a sequenziare il genoma della specie classificata con il nome di Varanus komodoensis usando varie tecnologie per ottenere un risultato di elevata qualità. Ciò ha permesso di confrontare quel genoma con quello di altri rettili per capire come sia diventato un predatore letale con caratteristiche fisiologiche e metaboliche uniche tra i rettili.

Il drago di Komodo è diffuso in varie isole indonesiane anche se il nome si riferisce solo a quella di Komodo. Una lunghezza che può superare i 3 metri, un peso che anche in natura può superare gli 80 kg, un metabolismo che può accelerare a livelli simili a quelli dei mammiferi pur essendo a sangue freddo, la capacità di sentire l’odore delle prede a oltre 10 km di distanza e la saliva che contiene un anticoagulante che rende il suo morso ancor più mortale lo rendono un superpredatore negli ecosistemi in cui vive. Parte della famiglia dei varani, questa specie potrebbe essere emersa in Australia quasi 4 milioni di anni fa per poi diffondersi nelle attuali isole indonesiane grazie ai bassi livelli dei mari durante l’ultimo periodo glaciale.

Nonostante queste doti straordinarie del drago di Komodo, finora si sapeva poco delle caratteristiche genetiche alla loro origine. Benoit Bruneau, uno dei primi autori di questa ricerca, ha spiegato che 9 anni fa è iniziato un progetto per capire come si evolvano i genomi e all’epoca altri team di ricercatori avevano già sequenziato quello di tartarughe, serpenti e uccelli mentre quello dei coccodrilli era in fase di sequenziamento ma mancava la famiglia dei varanidi di cui fa parte questa specie.

Per questa ricerca sono stati sequenziati i genomi di due esemplari di drago di Komodo dello zoo di Atlanta chiamati Slasher e Rinca. Katherine Pollard, l’altra prima autrice di questa ricerca, ha spiegato che il problema in questo tipo di ricerca è che i genomi dei vertebrati sono grossi e contengono molte sequenze ripetitive. La maggior parte delle tecnologie di sequenziamento produce solo brevi frammenti di sequenze alla volta e quando esse contengono elementi ripetitivi è impossibile capire a che parte del DNA appartengano e a quali altre parti siano collegati. Per questo motivo, i ricercatori hanno usato tecnologie multiple che includono il sequenziamento ad ampio spettro e la mappatura fisica per assemblare i pezzi.

Il lungo lavoro ha portato i risultati sperati. I ricercatori hanno individuato le parti del DNA del drago di Komodo all’origine di caratteristiche come la resistenza aerobica, altre peculiarità del metabolismo e della fisiologia e i tanti geni che regolano il funzionamento di alcuni recettori degli organi vomeronasali legati all’olfatto di quest’animale. Il confronto con il DNA di altri rettili ha aiutato a capire le caratteristiche specifiche del drago di Komodo e la sua evoluzione.

Anche un predatore come il drago di Komodo si è trovato in difficoltà a causa delle attività umane che hanno ridotto il suo habitat e oggi è una specie protetta in Indonesia. Lo studio del suo DNA aiuterà anche a trovare le strategie migliori per permetterne la sopravvivenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *