Elon Musk ha presentato i progressi dell’interfaccia cervello-computer di Neuralink

Il chip di Neuralink (Immagine cortesia Neuralink)
Il chip di Neuralink (Immagine cortesia Neuralink)

In una presentazione tenuta ieri, Elon Musk ha illustrato i progressi compiuti da Neuralink riguardo alla creazione di un’interfaccia tra cervello umano e computer. Quando aveva cominciato a parlare di progetti di questo tipo l’aveva chiamata “trina neurale” (neural lace), un’idea presa dalla fantascienza. Ora però sono stati costruiti i primi prototipi di impianti e l’azienda sembra pronta per cominciare test su esseri umani dato che sta compiendo i passi necessari a ottenere l’approvazione richiesta per compierli.

Elon Musk è diventato celebre come fondatore dell’azienda aerospaziale SpaceX e del produttore di automobili elettriche Tesla Motors ma nel marzo 2017 è stata rivelata Neuralink, un’azienda che ha lo scopo di creare un’interfaccia tra cervello umano e computer. L’obiettivo finale è di avere una simbiosi tra intelligenza umana e artificiale ma per arrivare a quel punto bisognava intanto trovare un modo per far comunicare il cervello con un computer.

Esistono già sistemi elettronici che permettono a esseri umani di controllarli direttamente: spesso si tratta di sistemi progettati per permettere a persone con disabilità motorie di utilizzare computer o per controllare arti bionici. Anche possibilità del genere sono state prese in considerazione da Neuralink ma il progetto dell’azienda di Elon Musk è più sofisticato e flessibile.

Neuralink non ha inventato la ruota ma ha progettato un’evoluzione dei vari sistemi già esistenti. L’impianto è basato su un chip progettato appositamente che serve ad amplificare e ripulire i segnali collegato al cervello tramite una serie di fili sottilissimi dotati di elettrodi. Al momento può comunicare solo tramite una connessione via cavo di tipo USB-C ma il prossimo passo sarà la creazione di un modulo esterno che supporta trasmissioni wireless per comunicare con un computer.

La presentazione mostra un’interfaccia che permette già qualche forma di comunicazione tra cervello e computer ma Elon Musk ha dichiarato che i tempi sono ancora lunghi per le applicazioni umane. Anche ottenendo l’approvazione necessaria nei tempi previsti dall’azienda, il primo paziente umano potrebbe venire dotato di quella tecnologia entro il 2020 e da lì ci potrebbero essere lenti passi in avanti.

Nei prossimi anni, Neuralink potrebbe cominciare a offrire impianti in grado di aiutare persone che hanno subito danni cerebrali ma è solo l’inizio. Chip e fili dovrebbero venire impiantati usando un sistema robot estremamente preciso e anche quello verrà perfezionato nel tempo per migliorare la qualità degli impianti e limitare i rischi di effetti collaterali, ad esempio usando un sistema laser per perforare il cranio invece di un trapano.

Rimane difficile capire quanto ci vorrà a Neuralink per cominciare a superare la fase sperimentale. L’aggiornamento fornito da Elon Musk, anche riguardo alle applicazioni in persone con disabilità, mostrano come l’azienda stia procedendo per passi lasciando la simbiosi tra cervello e computer come scopo finale. In sostanza, le prime applicazioni sono più realistiche rispetto a quelle più fantascientifiche.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *