Una nuova specie di umani primitivi chiamata Homo luzonensis è stata identificata

Il professor Philip Piper con il primo osso di Homo luzonensis scoperto (Foto cortesia Lannon Harley / ANU)
Il professor Philip Piper con il primo osso di Homo luzonensis scoperto (Foto cortesia Lannon Harley / ANU)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” riporta il riconoscimento di una nuova specie di umani primitivi che è stata chiamata Homo luzonensis. Un team di ricercatori ha studiato una serie di fossili scoperti tra il 2007 e il 2015 nella grotta di Callao, sull’isola di Luzon, nelle Filippine, concludendo che si tratta dei resti di individui appartenenti a una specie di ominini diversa da quelle finora conosciute che visse sull’isola tra 50.000 e 67.000 anni fa.

La storia del genere Homo è diventata più complessa nel corso degli ultimi decenni con la scoperta di fossili con varie similitudini e differenze rispetto a Homo sapiens. L’Asia sembra un continente particolarmente ricco di fossili di ominini e secondo studi pubblicatli negli ultimi anni alcune popolazioni costituiscono specie diverse di cui abbiamo solo alcuni fossili. I Denisova costituiscono un caso limite dato che finora sono state trovate solo alcune ossa, d’altra parte è stato possibile recuperare frammenti del loro DNA che offrono informazioni preziose su questa specie.

Nel 2007 un singolo osso venne scoperto nella grotta di Callao e datato ad almeno 67.000 anni fa. L’esemplare venne soprannominato uomo di Callao ma le discussioni riguardo all’attribuzione dell’osso a un Homo sapiens o a un’altra specie rimasero senza una conclusione perché non c’erano prove definitive. Negli anni successivi altre ossa vennero scoperte in diverse occasioni e ora varie ossa di dita, alcuni denti e il femore di un bambino sono disponibili e sono state esaminate da un team di ricercatori.

Il professor Philip Piper dell’Australian National University (ANU) ha dichiarato che probabilmente questi ominini erano piccoli basandosi sul fatto che i denti trovati sono piccoli e generalmente nei mammiferi la dimensione dei denti riflette quella del corpo. Ha anche fatto notare le caratteristiche delle dita, che le rendono più simili a quelle di australopitechi che a quelle degli umani moderni. Non è chiaro se si tratti di caratteristiche primitive ereditate proprio da australopitechi che vissero un paio di milioni di anni fa o se si tratti di adattamenti alla vita sull’isola di Luzon. Sono domande simili a quelle che i ricercatori si stanno ponendo su altri ominini, gli Homo floresiensis, che potrebbero discendere da una linea ancestrale del genere Homo.

C’è stato un tentativo di estrarre DNA dai fossili attribuiti a Homo luzonensis ma senza successo. Purtroppo il clima tropicale con forte calore e umidità favorisce il degrado del DNA con la conseguenza che dopo un tempo tra i 50.000 e i 70.000 anni non è più possibile trovarne frammenti. Il clima freddo siberiano nell’area in cui sono stati trovati i fossili dei Denisova e di altre grotte in altri continenti sono molto più favorevoli alla conservazione del DNA perciò abbiamo pezzi di genoma di individui di varie specie di ominini anche dieci volte più antichi di quelli filippini.

Stabilire l’esistenza di una nuova specie partendo da poche ossa porta sempre a discussioni e i commenti all’annuncio riguardante gli Homo luzonensis non sono stati un’eccezione. Nelle Filippine sono stati trovati strumenti di pietra e resti di rinoceronti macellati risalenti a circa 700.000 anni fa ma nessun fossile di ominini dell’epoca è stato trovato perciò potrebbe trattarsi di tracce lasciate da una specie diversa da Homo luzonensis, forse dai loro antenati o forse si trattava di popolazioni arrivate nelle Filippine in modo indipendente.

Paleontologi e paleoantropologi stanno appena cominciando a capire la storia degli ominini nelle Filippine e in altre regioni dell’Asia. Rispetto a vent’anni fa quella storia si sta rivelando molto più complessa e in questi casi altri ritrovamenti sono necessari per ottenere maggiori informazioni su ominini che già in epoche remote erano in grado di raggiungere varie isole.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *