Identificata una nuova specie di mastodonte

Un articolo pubblicato sulla rivista “PeerJ” riporta il riconoscimento di una nuova specie di mastodonte che è stata chiamata Mammut pacificus, mastodonte del Pacifico. Un team di ricercatori guidato dal dottor Alton Dooley del Western Science Center (WSC) di Hemet, in California, ha esaminato una serie di fossili trovando in alcuni di essi quelle che ritiene caratteristiche diverse rispetto agli altri, sufficienti a definire una nuova specie che visse nelle regioni che oggi appartengono a California, Sierra Nevada e Idaho ed è separata dalla specie di mastodonte più conosciuta, il Mammut americanum, mastodonte americano.

Fossili di mastodonte vennero trovati per la prima volta nel 1705 e da allora molti altri sono stati scoperti in tutto il Nord America. La storia è un po’ caotica perché nel XIX secolo diversi ritrovamenti portarono all’attribuzione di diversi nomi a esemplari successivamente riconosciuti come appartenenti allo stesso genere e perfino alla stessa specie. Nel XX secolo la classificazione tassonomica divenne più rigorosa con il riconoscimento di alcune specie di mastodonti anche se rimangono discussioni legate all’attribuzione di fossili scoperti in Cina.

La storia del Mammut pacificus potrebbe essere un tipico caso di specie che era nascosta in piena vista dato che il riconoscimento di questa nuova specie è stato compiuto dopo aver esaminato esemplari di vari musei ma anche esemplari che sono stati ospitati al WSC per otto anni prima di essere studiati. L’olotipo, cioè l’esemplare usato nella descrizione originale della specie inclusa nella ricerca, è uno scheletro parziale catalogato come WSC 18743 incluso nella collezione ospitata negli ultimi anni al WSC nel 1995.

Per decenni i paleontologi hanno dato per scontato che vi fosse un’ampia diffusione in tutto il Nord America del Mammut americanum ma alcuni anni fa il dottor Alton Dooley si rese conto che alcuni esemplari scoperti in California avevano proporzioni nei denti diverse rispetto a quelle degli altri mastodonti misurando i molari dell’esemplare WSC 18743, soprannominato Max. Assieme ad altri ricercatori, cominciò ad una serie di esami per fare chiarezza su quelle differenze, che li ha portati a una lunga ricerca.

Quella ricerca cominciò con la convinzione che i mastodonti californiani costituissero una variante del Mammut americanum che aveva sviluppato alcuni adattamenti locali in una popolazione che era diventata isolata nel tardo Pleistocene. Tuttavia, più la ricerca andava avanti e più i dati derivanti dalla scoperta di esemplare con le stesse caratteristiche di Max suggerivano che la popolazione californiana costituisse una specie separata.

L’immagine (cortesia A.C. Dooley Jr et al, PeerJ) mostra cranio e zanne dell’olotipo di Mammut pacificus in vista dorsale (a), ventrale (b), laterale sinistra (c), laterale destra (d), posteriore (e), parte finale della zanna sinistra (f) e la zanna destra (g).

Secondo le analisi dei vari esemplari, rispetto al Mammut americanum il Mammut pacificus aveva un femore più largo, denti più stretti, sei vertebre sacrali invece di cinque e nessuna zanna mandibolare presente in circa un quarto degli esemplari di mastodonte americano. I ricercatori pensano che alcune aree deserte costituissero barriere geografiche che portarono a un isolamento della popolazione che divenne il mastodonte del Pacifico.

I mastodonti furono tra gli animali estinti più tipici del Nord America ma vengono spesso confusi con i mammut, anche a causa del nome del loro genere. In realtà sono cugini piuttosto distanti di mammut ed elefanti moderni che sparirono con l’estinzione di massa della cosiddetta megafauna del Pleistocene, di cui si discute se si tratti di un singolo evento andato avanti per molti millenni o dell’insieme di vari eventi. Questa nuova ricerca potrebbe essere lo stimolo per un rinnovato interesse nei confronti dei mastodonti con nuovi studi che oggi possono trarre vantaggio anche da nuove tecnologie.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *