Il diario dell’estinzione di Maico Morellini

Il diario dell’estinzione di Maico Morellini
Il diario dell’estinzione di Maico Morellini

Il romanzo “Il diario dell’estinzione” di Maico Morellini è stato pubblicato per la prima volta nel 2018 da Watson Edizioni nella collana Ombre.

Caleb Cavendish ha sviluppato delle ossessioni per le arti occulte e per la teoria dell’evoluzione di Charles Darwin, al punto da voler ripercorrere il viaggio compiuto dal grande naturalista. Quando va oltre e si addentra nell’Artico il contatto con uno strano metallo ha un’enorme influenza sulla sua vita successiva.

Ernest Buckingham è un esperto di arti esoteriche e assieme a Malcom Lefebrve collabora con Scotland Yard. Quando l’ammiraglio in pensione Bartholomew Sulivan mostra loro vecchie lettere di cui è da poco entrato in possesso indirizzate a Robert Fitzroy, che fu il Capitano del brigantino Beagle durante il viaggio in cui Charles Darwin accumulò i dati che lo portarono a sviluppare la sua teoria. Sulivan si è convinto che Fitzroy non si sia suicidato e chiede a Buckingham e Lefebrve di indagare.

Maico Morellini è celebre soprattutto come scrittore di fantascienza anche se alcuni suoi racconti sono stati segnalati al Premio Lovecraft. È infatti un autore che ha mostrato di non rimanere chiuso in confini di genere e anche le sue opere classificate come fantascienza mostrano in vari casi una commistione di generi. “Il diario dell’estinzione” si discosta dai canoni fantascientifici usando elementi lovecraftiani in un romanzo con forti basi storiche ambientato nell’epoca vittoriana. Se vogliamo proprio etichettarlo possiamo inserirlo nel sottogenere chiamato new weird.

L’idea di Maico Morellini parte dalla corrispondenza di Charles Darwin, che nel corso degli ultimi decenni è stata catalogata e resa disponibile al pubblico permettendo a chiunque sia interessato di farsi un’opinione diretta degli scambi che il naturalista ebbe con colleghi e altre persone coinvolte nelle discussioni attorno alla teoria dell’evoluzione. In particolare, Morellini si interessa a una lettera firmata solo C.C. da cui parte per sviluppare la storia di Caleb Cavendish. Sul suo sito, ha pubblicato una pagina apposita in cui presenta “Il diario dell’estinzione” contenente un’introduzione a queste lettere.

In parallelo, Maico Morellini sviluppa la storia dei Ernest Buckingham e Malcom Lefebrve. Il fatto che si tratti di due investigatori che collaborano con Scotland Yard fa sicuramente pensare alla coppia Sherlock Holmes / Watson ma ben presto il lettore può vedere come i due si allontanino da essi.

Bisognerebbe avere una conoscenza approfondita del periodo vittoriano per valutare la precisione della parte storica de “Il diario dell’estinzione”, dal basso dei miei limiti per quanto riguarda quel periodo mi sembra che Maico Morellini abbia fatto un buon lavoro. L’autore mescola abilmente la componente storica con quella fantastica reinterpretando alcuni eventi per creare alcuni dei misteri collegati alle vicende inventate. L’atmosfera richiama Edgar Allan Poe e H.P. Lovecraft tra ossessioni e mostruosità varie.

La trama viene sviluppata attraverso vicende che coprono molti anni e in questo caso la bravura di Maico Morellini sta nel dipanare una complessa matassa fatta di misteri, colpi di scena e relazioni tra tanti personaggi che non sempre sono ciò che sembrano. È per questo che “Il diario dell’estinzione” riserva tanti motivi di interesse per cui anche nei momenti in cui il ritmo rallenta un po’ l’interesse del lettore viene comunque stimolato.

La commistione di generi e il sofisticato mix di elementi narrativi rendono “Il diario dell’estinzione” complesso senza essere troppo pesante né inutilmente dettagliato, tanto che non è un romanzo particolarmente lungo. Probabilmente è comunque utile rileggerlo per apprezzare meglio certi brani e vedere con maggior chiarezza alcuni particolari. Può essere parte del divertimento con un romanzo intrigante e stimolante di cui consiglio la lettura a prescindere da qualsiasi etichetta di genere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *