Il Gobiraptor minutus era un dinosauro piumato che visse nell’odierna Mongolia

Un articolo pubblicato sulla rivista “PLOS ONE” riporta la scoperta di una nuova specie di dinosauro piumato appartenente al gruppo degli oviraptorosauri che visse tra 80 e 70 milioni di anni fa nel periodo Cretaceo Superiore nell’odierna Mongolia. Un team di ricercatori l’ha chiamato Gobiraptor minutus e ha studiato lo scheletro parziale scoperto concludendo che probabilmente si trattava di un esemplare giovane che si nutriva di cibi duri come molluschi dotati di guscio e aveva mascelle abbastanza robuste da farli a pezzi.

Gli oviraptorosauri (Oviraptorosauria) vissero nel periodo Cretaceo nelle odierne Asia e Nord America e costituiscono un gruppo di dinosauri piumati composto da parecchie specie con dimensioni che vanno da quelle di un tacchino a una lunghezza attorno agli 8 metri. A causa delle loro caratteristiche simili a quelle degli uccelli, negli anni scorsi venne proposto di includerli nella classe Aves assieme ad essi ma l’opinione negativa di vari ricercatori ha lasciato questi dinosauri in gruppi separati dagli uccelli.

Anche la classificazione interna al gruppo degli oviraptorosauri è oggetto di discussioni. Tra le famiglie generalmente accettate all’interno di quel gruppo c’è quella degli oviraptoridi (Oviraptoridae), che vissero soprattutto nell’odierna Mongolia, nell’area in cui oggi c’è il deserto di Gobi, dove nel Cretaceo erano tra i dinosauri più comuni. Nel deposito di fossili conosciuto come formazione Nemegt nel 2008 è stato scoperto tra vari dinosauri teropodi lo scheletro incompleto di un esemplare che è stato catalogato come MPC-D 102/111 e successivamente chiamato Gobiraptor minutus.

Le caratteristiche delle ossa disponibili, visibili nell’immagine in alto assieme al disegno dell’animale (immagine Sungjin Lee et al. / PLOS ONE. CC 4.0) sono quelle che hanno convinto i ricercatori che appartenesse a una specie di oviraptosauro con mascelle di uno spessore fuori dal normale. Si tratta di una morfologia che lo distingue dalle altre specie di quel gruppo ed è quella che ha suggerito che il Gobiraptor minutus facesse a pezzi le sue prede per cibarsene.

Già in passato era stato ipotizzato che gli oviraptosauri si nutrissero di uova, semi e molluschi dotati di gusci duri, la scoperta di questa nuova specie conferma che almeno una parte di essi probabilmente aveva quel tipo di dieta. Infatti, in quello che oggi è il deserto di Gobi nel Cretaceo c’erano fiumi e laghi.

L’esemplare di Gobiraptor minutus studiato era piccolo, delle dimensioni di un pollo, ma le analisi indicano che probabilmente si trattava di un esemplare che era ancora molto giovane al momento della morte. A volte questo costituisce un problema nello studio di una specie quando le sue caratteristiche fisiche cambiano in modo significativo nel corso della crescita ma le ossa disponibili non hanno quel tipo di cambiamento negli oviraptoridi.

Nonostante le limitazioni dovute alla disponibilità di poche ossa, l’esemplare di Gobiraptor minutus scoperto ha offerto parecchie informazioni interessanti, in particolare sulla sua dieta. Questa specie conferma la diversificazione esistente negli oviraptoridi, un gruppo di dinosauri che nel Cretaceo ebbe molto successo nell’odierna Mongolia.

Ricostruzione artistica di Gobiraptor minutus (Immagine cortesia Do Yoon Kim)
Ricostruzione artistica di Gobiraptor minutus (Immagine cortesia Do Yoon Kim)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *