Forse i radiodonti furono fondamentali nell’esplosione del Cambriano

Fossili di Pahvantia hastasta (Immagine cortesia Stephen Pates e Rudy Lerosey-Aubril)
Fossili di Pahvantia hastasta (Immagine cortesia Stephen Pates e Rudy Lerosey-Aubril)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Communications” descrive uno studio sulla Pahvantia hastasta, un parente degli odierni artropodi che visse circa mezzo miliardo di anni fa, nel periodo Cambriano. Stephen Pates dell’Università britannica di Oxford e Rudy Lerosey-Aubril dell’Università australiana del New England hanno esaminato fossili scoperti molti anni fa nelle montagne dell’odierno Utah, negli USA, dopo un lungo lavoro di preparazione. Essi ritengono che questa specie appartenesse al gruppo dei radiodonti, che si nutrisse di microplancton e che quel tipo di animale acquatico contribuì a lanciare la diversificazione delle forme di vita sui fondali marini nell’esplosione del Cambriano.

Gli animali del gruppo radiodonti (Radiodonta) includono alcuni tra i primi predatori conosciuti come l’Anomalocaris canadensis. Il loro studio è importante per cercare di ricostruire le fasi che hanno portato alla diversificazione dei primi animali nei phylum esistenti oggi. La Pahvantia hastasta era più piccola di altri appartenenti a quel gruppo con una lunghezza inferiore a 25 cm e la sua identificazione è stata complessa dato che inizialmente quattro esemplari erano stati assegnati a due diversi artropodi dato che uno di essi venne prima considerato parte di un artropode chiamato Proboscicaris agnosta e poi di un altro radiodonte del genere Hurdia.

Il nuovo studio ha mostrato le caratteristiche che hanno convinto i ricercatori che la Pahvantia hastasta fosse davvero parte del gruppo dei radiodonti e alcuni aspetti interessanti che li hanno portati a ritenere che si tratti di una specie importante nell’esplosione del Cambriano, il periodo di massima diversificazione delle specie viventi della storia della vita sulla Terra. Le cause di quell’evento sono oggetto di discussioni, anche a causa della limitata quantità di fossili e prove geologiche.

I ricercatori hanno evidenziato che la Pahvantia hastasta aveva una struttura a maglia fine che le permetteva di catturare plancton molto più piccolo di qualsiasi altro animale marino conosciuto tra quelli capaci di nuotare e di dimensioni simili. Ciò può sembrare poco significativo, invece potrebbe essere un fattore determinante per il successo di quel tipo di animale perché gli assicurava un’efficienza nel nutrirsi superiore ai concorrenti.

Il ragionamento è che a quell’epoca esistevano vari tipi di plancton, anche microscopici, e la capacità di raccoglierne una notevole quantità, anche da fonti non accessibili da altre specie, forniva molto nutrimento e quindi molta energia. Un animale come la Pahvantia hastasta poteva avere molto successo con un aumento di popolazione. Ciò a sua volta significava un aumento delle loro feci e delle carcasse che sprofondavano nei mari fornendo nutrimento per altri organismi.

Altre specie del gruppo dei radiodonti potrebbero aver avuto ruoli simili nei loro ecosistemi. Secondo i ricercatori, essi diedero importanti contributi agli ecosistemi marini del Cambriano, che ebbero uno sviluppo che portò alla grande esplosione di quel periodo, che cambiò per sempre la storia della vita sulla Terra.

Varie ricerche stanno mostrando come poche specie possano essere fondamentali per la prosperità o per il collasso di un ecosistema. La Pahvantia hastasta e altri radiodonti potrebbero costituire un caso estremo di specie che si svilupparono in un momento cruciale della storia degli animali. Vi furono probabilmente anche altri fattori ambientali che determinarono quel risultato. Sicuramente le discussioni continueranno ma questa ricerca offre un’interessante interpretazione di quegli eventi.

Ricostruzione di Pahvantia hastasta (Immagine cortesia Masato Hattori)
Ricostruzione di Pahvantia hastasta (Immagine cortesia Masato Hattori)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *