Crux di Ramez Naam

Crux di Ramez Naam
Crux di Ramez Naam

Il romanzo “Crux” di Ramez Naam è stato pubblicato per la prima volta nel 2013. È il secondo libro della trilogia Nexus e segue “Nexus. Oltre il limite della mente“. È al momento inedito in Italia.

Sono trascorsi sei mesi da quando Kaden “Kade” Lane ha rilasciato pubblicamente Nexus 5, l’ultima versione della nanotecnologia che permette la connessione diretta tra menti diverse, e la situazione nel mondo è diventata esplosiva tra repressione e attentati di un gruppo terrorista. Kade e Feng sono in fuga, braccati da cacciatori di taglie e da vari governi, ma allo stesso tempo devono cercare di affrontare gli eventi che rischiano di portare a una guerra tra umani e postumani.

Rangan Shankari e Ilya Alexander sono prigionieri del governo americano e vengono torturati allo scopo di costringerli a rivelare i segreti della Nexus. Samantha “Sam” Cataranes ha abbandonato l’ERD e si sta occupando di un gruppo di bambini nati con la Nexus nel loro cervello ma come può evitare di rimanere coinvolta nella crisi? Kade possiede il segreto delle backdoor della Nexus, sarà più saggio dell’intera umanità?

“Crux” è la continuazione diretta di “Nexus. Oltre il limite della mente”, di cui riprende le varie sottotrame perciò è necessario aver già letto il primo romanzo per capire i nuovi sviluppi e i protagonisti, che sono gli stessi. C’è un intervallo di sei mesi tra la fine del primo romanzo e l’inizio del secondo ma i nuovi eventi sono la diretta conseguenza dei precedenti.

Negli USA, nell’autunno del 2040 la situazione è perfino peggiorata per chi utilizza la Nexus. Il governo americano sta diventando sempre più repressivo ma c’è chi ritiene che usare la Nexus in modo clandestino non sia abbastanza e ha deciso di combattere il governo con atti di terrorismo ma la situazione è più complessa di quanto sembri.

Ramez Naam usa lo sviluppo e la diffusione della Nexus fin dall’inizio della trilogia per offrire non solo un’idea delle possibili biotecnologie e nanotecnologie del 2040 ma anche molte riflessioni etiche sui loro possibili usi e abusi. È uno scontro che riguarda non solo il controllo di queste tecnologie ma anche il futuro dell’umanità con il rapporto tra umani normali e umani con Nexus paragonato a quello tra Neanderthal e Homo sapiens.

Come tutte le tecnologie inventate dagli esseri umani, la Nexus è uno strumento che può essere usato in modi costruttivi ma anche per commettere crimini. Nel primo romanzo erano già stati fatti vari esempi, in “Crux” ne vengono aggiunti altri tra cui varie possibilità di utilizzo nei bambini, alcuni dei quali nati con la Nexus installata nel loro cervello.

L’umanità è a un crocevia e la strada che verrà presa influenzerà pesantemente il suo futuro. I problemi etici legati a quella scelta sono la parte migliore di “Crux” perché i diversi punti di vista vengono ulteriormente sviluppati. Fin dall’inizio della trilogia non c’è una divisione del tipo bianco e nero tra buoni e cattivi ma ci sono molti toni di grigio.

Ad esempio, Kade è un idealista in possesso dei segreti della Nexus e quindi di un enorme potere perché può letteralmente assumere il controllo del corpo di un’altra persona che la usa penetrando nella sua Nexus. Kade è il primo a cercare di combattere quel tipo di abusi ma può essere più saggio dell’intera umanità?

Questi dilemmi etici costituiscono la grande forza di “Crux” ma il romanzo non è perfetto. C’è molta azione e il ritmo tende a essere elevato ma gli sviluppi della varie sottotrame a volte frammentano la storia nel suo complesso. Nel caso di vari personaggi ci sono sfumature riguardo alle loro posizioni ma nel caso dei governi, Ramez Naam tende a usare qualche cliché, in genere negativo.

In “Crux” il governo americano diventa sempre più totalitarista rafforzando uno stato di polizia. Si tratta per certi versi di una proiezione della situazione degli ultimi anni ma siccome il 2040 sarà un anno di elezioni presidenziali sarebbe stato interessante sviluppare quella sottotrama con maggiori sfumature. Per quanto riguarda il governo cinese, è anche più totalitarista di quello americano ma agisce in maniera più sottile nella sottotrama che racconta ciò che è successo dopo la morte fisica della neuroscienziata Su-Yong Shu.

Complessivamente, Ramez Naam mi era sembrato più equilibrato nel miscelare i vari elementi in “Nexus. Oltre il limite della mente” mentre in “Crux” è a volte un po’ caotico ma penso che i pregi siano comunque decisamente maggiori dei difetti. Per questo motivo, consiglio la lettura di entrambi i romanzi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *