L’orbita spezzata di John Brunner

L'orbita spezzata di John Brunner
L’orbita spezzata di John Brunner

Il romanzo “L’orbita spezzata” (“The Jagged Orbit”) di John Brunner è stato pubblicato per la prima volta nel 1969. Ha vinto il premio BSFA come miglior romanzo dell’anno. In Italia è stato pubblicato dalla Casa Editrice La Tribuna nel n. 48 di “Science Fiction Book Club”, dall’Editrice Nord nel n. 259 di “Cosmo Argento” e da Mondadori nel n. 173 di “Urania Collezione” nella traduzione di Gianni Montanari. Quest’ultima edizione è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

All’inizio del XXI secolo la segregazione razziale negli USA è diventata una totale separazione che però ha solo esacerbato le tensioni tra bianchi e neri con scontri sempre più violenti. I Gottschalks, una via di mezzo tra una lobby e un racket, ne approfittano per vendere armi a chiunque ma facendo leva sulle paure dei loro clienti peggiorano ulteriormente la situazione.

Le previsioni del futuro possono essere affidate a computer sofisticatissimi oppure a persone come Lyla Clay, una pitonessa che durante una trance indotta da droghe ha visioni del futuro. Per il giornalista Matthew Flamen, investigare sui rapporti tra i Gottschalks e il potere politico sembra una buona idea per tenere il proprio lavoro.

“L’orbita spezzata” è uno dei romanzi in cui John Brunner descrive un qualche tipo di distopia in cui un problema in particolare mette a rischio la civiltà. In questo caso si tratta del razzismo, che secondo l’autore all’inizio del XXI secolo ha portato gli USA a quella che è praticamente una guerra civile.

La situazione esplosiva è iniziata a causa della stupidità del razzismo ma gli scontri razziali vengono ulteriormente fomentati dai Gottschalks, un cartello che opera nel campo degli armamenti. Sfruttare quelle tensioni è un’eccellente strategia per vendere armi, l’unico rischio è che troppi clienti si ammazzino tra di loro facendo crollare la richiesta.

Il futuro è davvero incerto ma soprattutto per i Gottschalks è necessario prevederlo per evitare di finire distrutti dalla propria strategia negli affari. Questa è solo una delle linee narrative de “L’orbita spezzata”, che ha una trama frammentata tra le storie di diversi personaggi. In vari modi, la trama gira attorno alla situazione non solo politica e sociale ma anche mentale degli americani, tutt’altro che positiva.

Nel romanzo c’è un senso di alienazione all’interno di una società lacerata da una violenza sfruttata dai Gottschalks per tenere alti i propri ricavi. Il lato psicologico è importante e tra i personaggi ci sono anche psicologi come il dottor James Reedeth, la sua collega Arianna Spoelstra, il suo capo Elias Mogshack e il professor Xavier Conroy.

Ne “L’orbita spezzata” la psicologia non è però un aiuto per la popolazione perché finisce per promuovere una conflittualità negativa nel clima esplosivo già esistente. Questi elementi sono sviluppati anche nel conflitto sull’uso della psicologia tra James Reedeth ed Elias Mogshack.

Il caos della società descritta ne “L’orbita spezzata” è rispecchiato in quello nello sviluppo del romanzo ma ciò non è necessariamente positivo. Secondo me la storia finisce per essere troppo frammentata e per di più spesso i frammenti sono sviluppati attraverso discussioni tra personaggi per cui in realtà succede poco o nulla.

“L’orbita spezzata” non è molto lungo, anche rispetto ad altri romanzi di John Brunner, e questo è un problema quando ci sono tanti fili narrativi da sviluppare. Spesso vengono pubblicati romanzi che sarebbero migliori con qualche taglio di parti inutili ma in questo caso forse una lunghezza maggiore avrebbe permesso di rafforzare almeno alcune parti della storia.

Uno dei problemi è costituito da un certo sperimentalismo, tipico di quegli anni. Certe scelte linguistiche non aiutano la comprensione della storia, anche se nella traduzione in italiano sono state limitate o almeno accompagnate da note. I toni della narrazione vanno da momenti cupi ai titoli dei capitoli satirici, a volte più lunghi dei capitoli stessi e in genere sopra le righe.

A decenni di distanza dalla sua pubblicazione, i temi de “L’orbita spezzata” rimangono molto forti. Negli USA la segregazione razziale è almeno in teoria terminata ma le tensioni sono state tutt’altro che risolte. La lobby dei produttori d’armi è potentissima e cerca sempre di influenzare i politici per continuare a vendere liberamente armi facendo leva sul falso senso di sicurezza che danno agli acquirenti.

John Brunner viene considerato un antesignano del cyberpunk per gli elementi narrativi che ha inserito in romanzi distopici come “L’orbita spezzata” ma il suo stile è quello degli anni ’60/’70 e da questo punto di vista questo romanzo mi sembra invecchiato male. Onestamente ho fatto un po’ fatica a leggerlo ma i temi e il loro sviluppo sono ancora molto forti e per questo motivo secondo me è comunque un romanzo da leggere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *