May 2017

La macchina del tempo, L'isola del dottor Moreau e L'uomo invisibile di H.G. Wells

Il romanzo “La macchina del tempo” (“The Time Machine”) di H.G. Wells è stato pubblicato per la prima volta nel 1895. In Italia è stato pubblicato da Vallardi in “Collezione di Romanzi Fantastici”, da Sonzogno nel n. 1 de “Il Romanzo d’Avventure”, da Alberto Corticelli Editore, da Editrice Delta nel n. 23 di “Scrittori Italiani e Stranieri”, da Longanesi & C. all’interno del n. 11 de “Il Meglio”, da Rizzoli nei nn. 1435/1436 di “Biblioteca Universale Rizzoli”, da U.T.E.T. nel n. 7 de “La Scala d’Oro”, da Mursia all’interno de “I Grandi Scrittori di Ogni Paese”, ancora da Mursia nel n. 81 de “Collana ‘Corticelli'”, da Mondadori nel n. 19 de “Classici di Ieri e di Oggi per la Gioventù”, ancora da Mursia all’interno del n. 6 di “Le Pleiadi”, ancora da Rizzoli nel n. 80 di “Biblioteca Universale Rizzoli”, ancora da Mursia all’interno de “I Grandi Scrittori di Ogni Paese”, ancora da U.T.E.T. ne “I Classici della Scala d’Oro”, ancora da Mondadori all’interno del n. 89 di “Oscar Fantascienza”, ancora da Mursia in “Grande Universale Mursia”, da Il Narratore ne “Le Voci dei Classici”, da Newton Compton all’interno del n. 575 di “Classici Newton” e all’interno del n. 579 di “Classici Newton”, da Fanucci Editore, da Einaudi in “Letture Einaudi” e da Babelcube Inc. in una serie di traduzioni. La versione originale del romanzo è liberamente disponibile sul sito del Progetto Gutenberg.

Il Viaggiatore nel Tempo racconta ai suoi amici di aver costruito una macchina in grado di viaggiare nel tempo come se fosse una dimensione analoga a quelle spaziali. Non viene creduto ma alcuni giorni dopo si presenta a una cena a casa sua con gli abiti stracciati, varie ferite e un’espressione sconvolta.

I suoi amici chiedono al Viaggiatore nel Tempo cosa gli sia successo e lui comincia a raccontare la storia del suo viaggio nell’anno 802.701 effettuato grazie alla macchina da lui inventata. In quell’epoca così lontana nel futuro ha incontrato piccoli esseri umani chiamati Eloi, che trascorrono il loro tempo giocando, ma anche i Morlock, esseri scimmieschi che vivono nel sottosuolo.

Simulazione dell'anatomia di un Tyrannosaurus rex (Immagine cortesia Gregory Erickson e Paul Gignac / Florida State University/Oklahoma State University / Scientific Reports)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” descrive una ricerca sulla forza del morso del Tyrannosaurus rex. I ricercatori Gregory Erickson e Paul Gignac hanno creato modelli al computer basati non solo su fossili ma anche sullo studio dei parenti viventi dei dinosauri, coccodrilli e uccelli, per stimare le caratteristiche del morso del T.rex concludendo che poteva perfino ridurre a pezzetti le ossa delle sue prede.

Il prototipo di The Machine (Foto cortesia HPE. Tutti i diritti riservati)

Hewlett Packard Enterprise (HPE) ha presentato il prototipo di “The Machine”, il computer del futuro annunciato nel giugno 2014. Si tratta di un computer “single-memory” e ciò significa che supera la divisione tra RAM e memoria di massa con i suoi 160 TB (TeraByte) di memoria, una quantità superiore a quella dei server. Tuttavia, non si tratta di memristori, la tecnologia in fase di sviluppo che dovrebbe combinare al meglio i vantaggi di RAM e memoria di massa.

Teschio di Zuul crurivastator (Foto cortesia Brian Boyle/Royal Ontario Museum)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Royal Society Open Science” descrive lo studio di un dinosauro chiamato Zuul crurivastator vissuto circa 75 milioni di anni fa nell’odierno Montana, negli USA. Si tratta di un Anchilosauro, un gruppo di erbivori corazzati apparsi nel periodo Giurassico che vissero fino alla fine del Cretaceo. Il nome Zuul è ispirato al mostro del film “Ghostbusters” perché gli scopritori vi hanno visto delle somiglianze.

2010: Odissea due di Arthur C. Clarke

Il romanzo “2010: Odissea due” (“2010: Odyssey Two”) di Arthur C. Clarke è stato pubblicato per la prima volta nel 1982. È il secondo libro della serie dell’Odissea nello spazio e il seguito di “2001: Odissea nello spazio”. In Italia è stato pubblicato di Rizzoli in “La Scala”, edizione ripubblicata da Club degli Editori ed Euroclub, nel n. 609 di “Biblioteca Universale Rizzoli” e nel n. 231 di “SuperBUR” e da R.L. Libri nel n. 31 bis di “SuperPocket. Bestseller” nella traduzione di Bruno Oddera e da Fanucci in “Collana Narrativa” nella traduzione di Fabio Gamberini.

Sono passati nove anni dal disastro dell’astronave Discovery e sulla Terra nessuno ancora sa cosa sia successo davvero. Le osservazioni indicano che la sua orbita è diventata instabile con la prospettiva che precipiti su Giove. La sua distruzione significherebbe perdere ogni speranza di scoprire cosa sia successo alla spedizione.

Per gli USA risulta impossibile organizzare una spedizione di salvataggio che arrivi in tempo mentre l’URSS ne stava già organizzando una da tempo. Heywood Floyd e il dottor Chandra, il creatore di HAL 9000, partono sull’astronave Leonov verso Giove, dove li aspettano la Discovery ma anche la versione del monolito più grande rispetto a quello scoperto sulla Luna.