Il misterioso organismo della fauna di Ediacara chiamato Parvancorina era forse più mobile del previsto

Fossile di Parvancorina minchami (Foto Masahiro miyasaka)
Fossile di Parvancorina minchami (Foto Masahiro miyasaka)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Biology Letters” descrive una ricerca su un organismo appartenente al genere Parvancorina vissuto oltre 540 milioni di anni fa che conclude che avesse una mobilità superiore a quanto si pensasse finora. Un team di ricercatori ha creato simulazioni per capire come l’acqua fluisse attorno al corpo di una Parvancorina per capirne la mobilità. Questa ricerca contraddice l’idea comune che gli organismi appartenenti alla cosiddetta fauna di Ediacara avessero una vita statica.

Il genere Parvancorina è formato finora da due specie: Parvancorina minchami, i cui fossili vennero scoperti per la prima volta in Australia, e Parvancorina sagitta, i cui fossili vennero scoperti per la prima volta in Russia. La forma a scudo di questi organismi lunghi da 1 a 2 centimetri aveva suggerito che si trattasse di un artropode primitivo per alcune somiglianze con i trilobiti ma altre caratteristiche ricordavano altri phylum come quello dei molluschi.

Si tratta di un problema tipico con i fossili appartenenti alla fauna di Ediacara che rende davvero difficile classificarli nell’albero della vita. Questi organismi vissero in un’era precedente a quella degli animali dotati di ossa, conchiglie e altre parti dure lasciando solo pochi fossili che potrebbero essere incompleti. Ciò continua a provocare discussioni tra i paleontologi quando ci sono tentativi di classificare alcuni di questi organismi ma in generale i ricercatori pensavano che vivessero sul fondo del mare senza muoversi. Forse una delle poche conclusioni generalmente accettate sulla fauna di Ediacara è errata.

Questa nuova ricerca ha usato una tecnica chiamata fluidodinamica computazionale (o numerica, in inglese Computational Fluid Dynamics o CFD), usata di solito nel campo dell’ingegneria per analizzare problemi di fluidodinamica usando il computer. Nel caso della Parvancorina, l’uso di questa tecnica è dovuto al fatto che quest’organismo era dotato di creste sul dorso che formavano una sorta di piccola ancora e solo una simulazione al computer avrebbe permesso di capire se e come fosse stata in grado di muoversi nell’acqua.

Il risultato di quest’analisi è che la Parvancorina non era passiva ma era in grado di muoversi orientandosi per sfruttare le correnti marine. Ciò le consentiva di nutrirsi come molti animali moderni che filtrano l’acqua per catturare pezzetti di cibo. Potrebbe trattarsi dei primi organismi che utilizzarono questa tecnica.

Questo è il risultato di simulazioni basate su piccoli fossili estremamente antichi perciò c’è sempre un certo margine di approssimazione. Si tratta di un tipo di ricerca che sarebbe stato impossibile fino a qualche anno fa perciò c’è ancora spazio per adattare meglio quel tipo di tecnica alla paleontologia. La sua applicazione in questo studio della Parvancorina ha dato risultati interessanti che verranno certamente analizzati e discussi perché danno un’idea degli organismi del periodo Ediacarano diversa da quella generalmente accettata.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *