Charles L. Harness nacque 100 anni fa

Charles Leonard Harness nacque il 29 dicembre 1915 a Colorado City, nel Texas, negli USA.

Charles L. Harness conseguì lauree in chimica e legge presso la George Washington University e nel 1947 cominciò a lavorare come avvocato specializzato in brevetti. Quella rimase la sua attività principale fino al 1981, quando andò in pensione. Harness cominciò anche a scrivere fantascienza e nel 1948 pubblicò il suo primo racconto, “Time Trap”, che contiene alcuni elementi che furono ricorrenti nei suoi lavori come i viaggi nel tempo e un’esperienza trascendentale per il protagonista.

Nel 1949 Charles L. Harness pubblicò il romanzo breve “Flight into Yesterday”. Esso venne successivamente espanso e pubblicato nella forma del romanzo “Paradosso cosmico” nel 1953 e negli USA con il titolo “Paradox Men” nel 1955. Nel 1953 Harness scrisse anche “L’odissea del superuomo” (“The Rose”) ma la sua pubblicazione fu complessa, tanto che avvenne negli USA solo nel 1969.

Quelle vicissitudini portarono Charles L. Harness a interrompere per vari anni il suo lavoro di scrittore, che già portava avanti a mezzo servizio. Solo nella seconda metà degli anni ’60 tornò a scrivere e dopo qualche racconto pubblicò il suo secondo romanzo, “Ritornello”, conosciuto anche come “La legge della creazione” (“The Ring of Ritornel”), nel 1968. Ancora una volta però smise quasi completamente di scrivere e per un decennio pubblicò solo alcuni racconti fino al 1978, quando pubblicò il romanzo “Il lupo degli abissi” (“Wolfhead”).

Con l’avvicinarsi del pensionamento dall’attività di avvocato, Charles L. Harness cominciò a dedicarsi maggiormente a quella di scrittore. Per questo motivo gli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 furono incredibilmente fertili per i suoi standard. Infatti pubblicò i romanzi: “Se un nuovo orizzonte…” (“The Catalyst”) nel 1980, “Astronave senza tempo” (“Firebird”) nel 1981, “The Venetian Court” nel 1982, “Redworld” nel 1986, “Corridoi del tempo” (“Krono”) nel 1988, “Sogni pericolosi” (“Lurid Dreams”) nel 1990 e “Lunar Justice” nel 1991.

Dopo l’ultima pausa nel resto degli anni ’90, Charles L. Harness pubblicò le sue ultime storie all’inizio del terzo millennio. Il suo ultimo romanzo fu “Cybele, With Bluebonnets” del 2002. Nel 2004 venne nominato Author Emeritus dalla Science Fiction and Fantasy Writers of America. Morì il 20 settembre 2005.

Nel corso della sua carriera di scrittore, Charles L. Harness è stato spesso paragonato ad A.E. van Vogt per alcuni temi delle sue opere e per il modo in cui distorceva concetti scientifici secondo le sue esigenze. Non essendo altrettanto prolifico, tende però a essere ricordato meno del suo collega. Il suo stile aveva qualche difetto ma secondo me riusciva in genere a dare un certo ordine al caos delle idee che sviluppava creando storie che potevano essere davvero intriganti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *