Un quartier generale e nuove collaborazioni per IBM Watson Health

La General Manager Deborah DiSanzo apre il nuovo quartier generale di IBM Watson Health (Foto cortesia IBM)
La General Manager Deborah DiSanzo apre il nuovo quartier generale di IBM Watson Health (Foto cortesia IBM)

Nei giorni scorsi, IBM ha annunciato altre novità per Watson Health, l’unità aziendale aperta ufficialmente nell’aprile 2015 con lo scopo di sfruttare il sistema di cognitive computing Watson nel campo medico. Deborah DiSanzo è stata nominata General Manager di Watson Health, che avrà il suo quartier generale a Kendall Square, un’area di Cambridge, in Massachusetts. IBM ha anche annunciato nuove collaborazioni e nuovi servizi per il cloud.

Deborah DiSanzo ha un’esperienza di oltre 30 anni di lavoro all’intersezione tra assistenza sanitaria e tecnologia. La sua precedente posizione era quella di amministratore delegato di Philips Healthcare, l’unità aziendale della multinazionale olandese dedicata proprio a quel tipo di attività.

IBM sta espandendo i servizi e le soluzioni che impiegano la piattaforma Watson Health Cloud per offrire usi sempre migliori del proprio sistema di cognitive computing. Stavolta ha annunciato IBM Watson Health Cloud for Life Sciences Compliance per aiutare le aziende biomediche a sviluppare in maniera più efficiente innovazioni nel campo medico e IBM Watson Care Manager per integrare Watson Health con le soluzioni HealthKit e ResearchKit di Apple per permettere al personale medico di seguire meglio i pazienti.

Per quanto riguarda le collaborazioni, IBM ha annunciato che Boston Children’s Hospital, Columbia University, ICON plc, Sage Bionetworks e Teva Pharmaceuticals si uniranno al gruppo di aziende e istituzioni varie che stanno già sfruttando in vari modi le capacità della piattaforma Watson Health Cloud.

In particolare, Teva Pharmaceuticals è stata scelta per una nuova collaborazione strategica chiamata Foundational Life Sciences Partner. L’azienda sarà la prima a livello globale nel campo farmaceutico a poter utilizzare la piattaforma Watson Health Cloud per offrire benefici a pazienti e fornitori di assistenza sanitaria.

Queste collaborazioni aumenteranno la possibilità di fornire al personale sanitario le informazioni significative sui pazienti e di creare per loro terapie personalizzate. IBM avrà accesso a ulteriori dati per migliorare le capacità del proprio sistema Watson Health di suggerire le soluzioni più adatte a ogni caso.

Nel nuovo quartier generale a Cambridge, oltre 700 dipendenti di IBM lavoreranno per far funzionare al meglio la piattaforma Watson Health Cloud e i rapporti con i collaboratori. IBM intende aprire un Watson Health Experience Center interattivo per permettere ai clienti di scoprire questo sistema di cognitive computing e capire come può aiutare a trasformare la loro azienda.

IBM vuole anche aprire un laboratorio di ricerca medica nel quartier generale per approfondire ulteriormente l’impegno dell’azienda in questo campo. Finora siamo stati abituati a tempi lunghi per le ricerche mediche ma la possibilità di analizzare enormi quantità di dati in tempi brevissimi da parte del sistema Watson Health potrà ridurli notevolmente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *