Peter Sellers nacque 90 anni fa

Peter Sellers nel 1973
Peter Sellers nel 1973

Richard Henry Sellers (foto ©Allan Warren), questo era il suo nome di nascita, nacque l’8 settembre 1925 a Southsea, un sobborgo di Portsmouth, in Inghilterra.

I genitori di Peter Sellers erano attori di varietà e lui venne coinvolto nella loro attività praticamente dalla nascita. Nonostante i dubbi di suo padre sulle sue capacità di intrattenitore, imparò non solo a recitare ma divenne anche un eccellente ballerino e batterista, tanto che nel corso della sua vita fece parte di alcune band jazz.

Durante la II Guerra Mondiale, per un certo periodo Peter Sellers offrì intrattenimento ai soldati britannici e nel settembre 1943 si arruolò nella RAF. Confinato a servizi a terra a causa dei problemi di vista, continuò a offrire intrattenimento ai commilitoni, a volte anche con imitazioni dei loro superiori.

Dopo la fine della guerra, Peter Sellers cominciò a lavorare come attore, prima in teatro e dopo un’audizione presso la BBC, anche alla radio e alla televisione. In quel periodo, incontrò Spike Milligan, Harry Secombe e Michael Bentine, che divennero suoi colleghi nella trasmissione radiofonica “The Goon Show”, andata in onda dal 1951 al 1960. Il programma ebbe un successo crescente che ne fece anche una forte influenza su molti altri prodotti nel corso del tempo.

Nel 1951 Peter Sellers sposò Anne Howe, con la quale ebbe due figli: Michael nel 1954 e Sarah nel 1957.

Nel corso degli anni ’50, Peter Sellers cominciò a lavorare anche in produzioni cinematografiche, in Gran Bretagna ma anche negli USA. Il suo primo ruolo di successo fu nel film “La signora omicidi” (“The Ladykillers”) del 1955. Ne “La pazza eredità” (“The Smallest Show on Earth”) del 1957 mostrò le sue doti di trasformista perché a 32 anni interpretò un personaggio di 68 anni. Il maggior successo di quegli anni fu “Nudi alla meta” (“I’m All Right Jack”) del 1959.

Nel 1960, Peter Sellers fu il protagonista de “La miliardaria” (“The Millionairess”) assieme a Sophia Loren ma il rapporto stretto creatosi con la collega fu una delle cause della fine del matrimonio con Anne Howe. Il film ispirò anche la canzone “Goodness Gracious Me”, cantata da Sellers e dalla Loren, che fu un notevole successo in Gran Bretagna.

Nel 1961, Peter Sellers debuttò alla regia con il film “Il piacere della disonestà” (“Mr. Topaze”), di cui fu anche protagonista. Nel 1962 ebbe una parte in “Lolita”, dove lavorò per la prima volta con Stanley Kubrick, che era rimasto impressionato dalla capacità dell’attore di interpretare personaggi molto diversi.

Nel 1963 cominciò il rapporto tra Peter Sellers e il regista Blake Edwards con la serie della Pantera Rosa in cui Peter Sellers interpretava l’imbranato ispettore Clouseau. I due lavorarono assieme anche nel film “Hollywood Party” (“The Party”) del 1968.

Nel 1964 uscì uno dei capolavori di Peter Sellers, “Il dottor Stranamore – Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba” (“Dr. Strangelove or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb”), l’altro frutto della collaborazione con Stanley Kubrick. In questo film l’attore interpretò tre personaggi diversi, spesso improvvisando, un fatto molto inusuale in un film di Kubrick.

Nel 1964 Peter Sellers sposò Britt Ekland. Il matrimonio durò solo quattro anni ma i due ebbero una figlia, Victoria.

Negli anni successivi, Peter Sellers recitò in altri film di diversi generi, incluso “James Bond 007 – Casino Royale” (“Casino Royale”) del 1967. Poco dopo ricevette l’onoreficenza di Commander of the Most Excellent Order of the British Empire (CBE) per la sua carriera.

Nel 1970 Peter Sellers sposò Miranda Quarry, un altro matrimonio che durò solo quattro anni.

Nonostante i tanti successi, Peter Sellers ebbe spesso problemi di depressione che negli anni ’70 cominciarono a pesare sul suo lavoro e sulla sua vita privata. Nel 1977 si sposò per l’ultima volta, con  Lynne Frederick.

Peter Sellers era considerato straordinario nei ruoli che aveva nelle commedie ma ne cercò altri in film drammatici come “Oltre il giardino” (“Being There”) del 1979. Il suo ultimo film fu però ancora una commedia, “Il diabolico complotto del dottor Fu Manchu” (“The Fiendish Plot of Dr. Fu Manchu”) del 1980.

Il 22 luglio 1980, mentre era a Londra per incontrare i suoi vecchi colleghi di “The Goon Show”, Peter Sellers ebbe un infarto. Portato in un ospedale della città, morì poco dopo la mezzanotte del 24 luglio. L’ultimo film della serie della Pantera Rosa uscì postumo, recuperando scene scartate dai film precedenti.

Peter Sellers è stato un attore comico straordinario, per alcuni addirittura il più grande di tutti i tempi. Grazie alle sue capacità di trasformista interpretò in vari film più personaggi. Nonostante ciò, fu più volte apprezzato anche in ruoli drammatici. Tutto questo non fu abbastanza per lui per cui la sua vita privata fu molto complessa e soffrì di forti insicurezze che gli provocarono gravi depressioni. Un destino tragico per un attore che ci ha dato tanta gioia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *