Destinazione Balder di Massimo De Faveri

Destinazione Balder di Massimo De Faveri
Destinazione Balder di Massimo De Faveri

Il romanzo “Destinazione Balder” di Massimo De Faveri è stato pubblicato per la prima volta nel 2012 da Plesio Editore nella collana “Sirio”.

Il detective Lajos Russell viene incaricato di condurre un’indagine sul magnate della finanza John Sherman, sospettato di traffici interstellari illeciti. Si tratta di un caso di alto profilo che richiede molta attenzione e coordinazione a vari livelli ma anche molta discrezione.

Per seguire una pista, Russell entra a far parte di una spedizione scientifica che ha lo scopo di esplorare il pianeta Balder per verificarne le possibilità di colonizzazione. Grazie anche al fatto che uno degli scienziati più importanti della spedizione e di sua figlia, Russell riesce a costruirsi una copertura plausibile ma avrà bisogno di tutto l’aiuto possibile per affrontare alcune sorprendenti scoperte.

“Destinazione Balder” ha inaugurato la collana “Sirio” di Plesio Editore ed è davvero appropriato visto che la storia è ambientata in un futuro in cui ci sono rapporti con una specie aliena che vive proprio nel sistema di Sirio. In realtà, questa specie proprio aliena non è visto che è geneticamente compatibile con i terrestri e questo è uno dei misteri di quest’universo narrativo.

Il contatto con gli alieni ha cambiato molte cose sulla Terra ma all’inizio del XXII secolo ma la natura umana è quella che è perciò esistono ancora i criminali e di conseguenza forze di polizia e investigatori privati. “Destinazione Balder” comincia come un giallo fantascientifico in cui il protagonista Lajos Russell collabora in un’indagine complessa e delicata su un traffico interstellare.

La storia è sviluppata in uno stile che ricorda le space opera classiche, con un numero limitato di sottotrame, una prevalenza della componente avventurosa e un uso di elementi scientifici limitato al necessario. Per ammissione dello stesso Massimo De Faveri nell’introduzione al romanzo, il lato scientifico non è necessariamente plausibile.

L’autore ha inventato alcuni sviluppi scientifici utili per creare le tecnologie che gli servivano per la sua storia dando un minimo di spiegazioni pseudo-scientifiche. “Destinazione Balder” non è certamente un romanzo di fantascienza “hard” come certe space opera degli ultimi anni anche se la parte scientifica, pur inventata, ha la sua importanza.

Gli sforzi di Massimo De Faveri sono più concentrati su altri elementi dell’universo narrativo di “Destinazione Balder”. Con dettagli inseriti qua e là nel corso della storia, il lettore può farsi pian piano un’idea della storia del prossimo secolo con il contatto con specie aliene, sviluppi tecnologici, l’espansione nello spazio e altro ancora.

La trama ha uno sviluppo complesso e pian piano diventa molto più di un intrigo interstellare. Le indagini di Lajos Russell, ma anche quelle parallele del Capitano Markus dell’Interpol, portano tra vari colpi di scena a sviluppi imprevedibili che trasformano un giallo in una space opera.

Si tratta quindi di una storia ambiziosa, forse perfino troppo visto che in un unico romanzo neppure particolarmente lungo mette veramente tanta carne al fuoco. Certo, per chi è scoraggiato di fronte a certi cicli che partono da 2.000 pagine un romanzo come “Destinazione Balder” è ossigeno.

Data la complessità della trama, il ritmo tende a essere molto elevato con parecchia azione. Certo, l’indagine è basata anche su dialoghi tra vari personaggi con interrogatori, confronti di opinioni e analisi dei dati ma a volte si tratta della quiete prima di qualche tempesta.

I personaggi sono molto importanti in “Destinazione Balder”. Ce ne sono parecchi oltre a quelli principali ma Massimo De Faveri riesce a sviluppare bene parecchi di essi. L’autore fornisce informazioni sui desideri, le motivazioni e anche sugli umori dei personaggi per permettere al lettore di capirli senza troppi dettagli.

“Destinazione Balder” è un romanzo ufficialmente per ragazzi ma per come è sviluppato può essere tranquillamente godibile anche da lettori adulti. Per questo motivo e per il suo stile lo consiglio a prescindere dall’età soprattutto a chi apprezza la fantascienza classica. Il romanzo è disponibile sia in versione cartacea che elettronica, ad esempio su Amazon Italia e su IBS.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *