La stella HD 162826 è la prima sorella del Sole trovata

Posizione della stella HD 162826 (Immagine cortesia Ivan Ramirez/Tim Jones/McDonald Observatory. Tutti i diritti riservati)
Posizione della stella HD 162826 (Immagine cortesia Ivan Ramirez/Tim Jones/McDonald Observatory. Tutti i diritti riservati)

Un team di ricercatori guidato dall’astronomo Ivan Ramirez dell’Università del Texas a Austin ha identificato la prima “sorella” del Sole. Questa stella, identificata come HD 162826, si è quasi certamente formata oltre 4 miliardi e mezzo di anni fa nella stessa nube di gas in cui si è formato il Sole assieme a migliaia di altre stelle. I metodi utilizzati per trovarla aiuteranno a scoprire altre loro “sorelle” e anche a capire in che parte della galassia si sono formate.

HD 162826 ha una massa che è circa il 15% superiore a quella del Sole e anche la sua temperatura superficiale è leggermente superiore. A causa della sua distanza, è invisibile a occhio nudo ma è sufficiente un binocolo per riuscire a vederla nella costellazione di Ercole e apparentemente vicina alla stella Vega.

Il team che ha condotto la ricerca ha esaminato 30 possibili candidate individuate da vari gruppi alla ricerca di stelle sorelle del Sole. Esse sono state studiate utilizzando il telescopio Harlan J. Smith all’Osservatorio McDonald all’Università del Texas a Austin e con il telescopio Clay Magellan all’Osservatorio di Las Campanas in cile. In particolare, sono state effettuati analisi spettroscopiche ad alta risoluzione per rilevare con precisione la composizione chimica di quelle stelle.

Altri fattori sono stati considerati nella ricerca come le orbite delle stelle e le loro traiettorie attorno al centro della Via Lattea. Mettendo assieme tutte le informazioni, la ricerca si è concentrata sulla stella HD 162826. Per una fortunata coincidenza, essa era già stata studiata approfonditamente all’Osservatorio McDonald perciò sappiamo che quella stella non ha pianeti del tipo “Giove caldo” e probabilmente non ha giganti gassosi come Giove ma è possibile che abbia pianeti rocciosi come la Terra.

La quasi certezza del fatto che HD 162826 sia una sorella del Sole viene soprattutto dall’analisi chimica delle due stelle, che hanno una composizione estremamente simile. Le stelle contengono tracce di elementi che sono diverse nelle varie nubi di gas in cui nascono. Ciò perché queste nubi contengono gli elementi prodotti da precedenti supernove, che sono diversi. Ivan Ramirez ha menzionato elementi come bario e ittrio come particolarmente utili per questo tipo di analisi.

Trovare le sorelle del Sole potrà aiutare a capire meglio le prime fasi di vita del nostro sistema solare, che hanno fortemente influenzato la sua evoluzione. Secondo Ivan Ramirez, la catalogazione che verrà effettuata dalla sonda spaziale Gaia potrà aiutare anche questo tipo di ricerca. Stelle come HD 162826, che hanno anche masse simili a quella del Sole, potrebbero avere pianeti che ospitano forme di vita. Ciò significa che un giorno potremmo trovare i nostri “cugini”.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *