Doctor Who – Terror of the Autons

Doctor Who - Terror of the Autons
Doctor Who – Terror of the Autons

“Terror of the Autons” è la prima avventura dell’ottava stagione della serie classica di “Doctor Who” trasmessa nel 1971. Segue “Inferno” ed è composta da quattro parti, scritta da Robert Holmes e diretta da Barry Letts.

La storia

Il Terzo Dottore (Jon Pertwee) sta ancora cercando di riparare il Tardis quando il Generale Lethbridge-Stewart (Nicholas Courtney) gli assegna una nuova assistente, Jo Grant (Katy Manning). La ragazza porta la notizia che l’unica unità energetica Nestene ancora esistente è stata rubata e c’è stato un sabotaggio presso un radiotelescopio.

Il Dottore corre a indagare, preoccupato per le possibili conseguenze di tali atti criminali. La cosa si complica quando un Time Lord appare per avvisarlo che un suo vecchio nemico, il Maestro, è fuggito sulla Terra e vuole ucciderlo.

Extra

Questo DVD contiene una buona quantità di extra. Sono presenti contenuti tipici come i sottotitoli della produzione, i Radio Time Listings, un promo dei DVD di “Doctor Who” pubblicati prossimamente e una galleria di immagini tratte da quest’avventura.

Sono presenti nella traccia audio alternativa commenti all’avventura da parte dei protagonisti Katy Manning e Nicholas Courtney e del produttore / regista Barry Letts.

Life on Earth. Un documentario sulla produzione di quest’avventura.

The Doctor’s Moriarty. Un documentario sul Maestro e sul suo ruolo come antagonista del Dottore.

Plastic Fantastic. Un documentario sugli Auton.

Il DVD contiene anche materiale promozionale sui prodotti Sugar Smacks e su un cioccolato della Nestlé legati a “Doctor Who” in formato PDF.

[ad name=”eBayDWIt300″]

Barry Letts era diventato il produttore di “Doctor Who” quando la settima stagione era già stata pianificata perciò fu solo con l’ottava stagione che potè davvero esercitare il suo potere decisionale. Un aumento di budget gli permise di produrre un numero maggiore di avventure composte da meno episodi e apportò vari cambiamenti nel cast.

Nell’ottava stagione venne introdotta una nuova compagna, Jo Grant, che era quasi l’opposto di Liz Shaw. Molto entusiasta ma non particolarmente competente nelle questioni scientifiche, Jo era un ritorno verso i compagni del passato che davano modo al Dottore di spiegare cosa stesse succedendo e gli dava anche modo di essere paterno e protettivo nei suoi confronti.

Venne anche deciso di ampliare lo staff della UNIT con l’introduzione del Capitano Mike Yates. In origine, venne considerata la possibilità di creare un intreccio romantico tra lui e Jo ma il forte rapporto rapidamente creatosi tra la ragazza e il Dottore portò ad un abbandono di quell’idea.

Il Dottore in esilio aveva vari punti in comune con Sherlock Holmes perciò Barry Letts e lo script editor Terrance Dicks decisero di creare un Moriarty, ovvero un nemico alla sua altezza. L’idea portò alla nascita del Maestro, un Time Lord criminale in grado di costituire una vera sfida per il Dottore.

“Spearhead from Space” era stato un successo perciò venne deciso di iniziare l’ottava stagione con un sequel, sempre scritto da Robert Holmes, che divenne “Terror of the Autons”. La necessità di utilizzare gli Auton e di introdurre nuovi personaggi limitarono le possibilità della trama, che secondo me non è brillante e sofisticata come in tante altre avventure scritte da Holmes.

La grande forza di “Terror of the Autons” sta nei personaggi e nelle loro interazioni. Ciò è avvenuto grazie ad un eccellente lavoro del team di produzione e dell’autore nel delineare i personaggi ma anche in una scelta davvero azzeccata degli attori per interpretare parti importanti. In un caso davvero unico, il produttore Barry Letts fu anche il regista e ciò diede una grande continuità al lavoro fatto sulla carta.

Almeno all’inizio, Jo Grant viene a trovarsi in una situazione ad un livello superiore al suo ma riesce comunque a rendersi utile. Il Dottore è più scorbutico che mai perché non riesce a far funzionare il Tardis e tratta tutti malissimo ma alla fine accetta Jo. Dopo un incontro non proprio positivo, ben presto tra i due comincia a formarsi uno dei legami più forti visti tra il Dottore e una compagna prima che, nella nuova serie, venisse permesso un legame romantico.

Barry Letts conosceva già l’attore Roger Delgado e lo tenne in mente nella creazione del Maestro. È davvero il caso di dire che il risultato è magistrale. Fin dall’inizio di “Terror of the Autons” Delgado è perfettamente calato nel suo personaggio determinandone il successo, anche perché lavora in maniera eccellente nelle scene assieme a Jon Pertwee.

Il Maestro è diventato uno dei più celebri nemici del Dottore, tanto da apparire molte altre volte in “Doctor Who”. Dopo essere stato un personaggio fisso dell’ottava stagione, è apparso occasionalmente in quelle successive e anche nella nuova serie dopo essersi rigenerato o comunque cambiando corpo più volte. Tuttavia, lo scontro con il Dottore non ha mai più funzionato bene quanto quello tra Roger Delgado e Jon Pertwee.

La presenza del Maestro mette in ombra gli Auton, che hanno comunque i loro momenti. Oggi certe scene di “Terror of the Autons” non ci impressionano particolarmente, anche perché gli effetti speciali dell’epoca ci sembrano di bassa qualità. All’epoca, invece, alcune scene risultarono davvero spaventose, tanto da causare varie proteste.

Oggi “Terror of the Autons” ha una notevole reputazione. Sinceramente non la considero un’avventura straordinaria ma è comunque buona e l’esordio di Jo Grant e del Maestro la rende importante nella storia di “Doctor Who”. Il DVD contiene anche extra interessanti che lo rendono un prodotto che consiglio a chiunque sia interessato alla serie.

Questo DVD fa parte del cofanetto “Mannequin Mania”, disponibile su Amazon Italia e Amazon U.K.. Esso contiene due avventure che sono di buona qualità e importanti accompagnate da extra interessanti. Da prendere senza esitazioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *