Videogiochi

Il creatore di Minecraft Markus "Notch" Persson al GDC 2011

Dopo le tante voci delle ultime settimane, è arrivato l’annuncio ufficiale che Microsoft ha acquistato Mojang, azienda indipendente produttrice di videogiochi e in particolare del celeberrimo Minecraft. I termini dell’accordo superano perfino quelli già elevatissimi delle voci perché Microsoft fornisce la cifra di 2,5 miliardi di dollari. Il proprietario della maggioranza delle quote di Mojang, Markus “Notch” Persson, ha deciso di lasciare la sua creatura assieme ai cofondatori Carl Manneh e Jakob Porsér.

Il fondatore e amministratore delegato di Amazon Jeff Bezos nel 2010

È arrivato l’annuncio ufficiale che Amazon ha acquistato Twitch per 970 milioni di dollari da pagare in contanti. Twitch è una piattaforma di streaming video orientata particolarmente ai videogiochi con la trasmissione di partite giocate dagli utenti. Twitch offre sia streaming live che on-demand. Questa notizia arriva dopo mesi di voci di possibili acquisizioni, soprattutto da parte di Google.

La console Gamebuino (Foto cortesia Aurélien Rodot. Tutti i diritti riservati)

Gamebuino è un progetto per realizzare una console per videogiochi retro, quelli vecchio stile a 8 bit come i vecchi giochi del Nintendo Game boy, basata su Arduino, una piattaforma elettronica i cui schemi circuitali sono distribuiti come hardware libero con un corredo di software anch’esso libero. La raccolta fondi con il metodo del crowdfunding sul sito Indiegogo, cominciata il 12 marzo 2014, sta avendo grande successo e continuerà fino al 28 aprile 2014.

Sergey Orlovskiy testa Oculus Rift

Facebook ha annunciato di aver raggiunto un accordo per l’acquisto di Oculus VR, Inc., azienda produttrice del set per la realtà virtuale Oculus Rift, per un totale di circa 2 miliardi di dollari. La cifra include 400 milioni in denaro e 23,1 milioni di azioni Facebook. L’accordo include anche altri 300 milioni in denaro e azioni basati sul raggiungimento di certi obiettivi che non sono stati specificati nel comunicato.

La home page di Eve Online

Nei giorni scorsi nell’universo virtuale del gioco EVE Online è stata combattuta la più grande guerra spaziale della storia di Internet con oltre 7.500 persone coinvolte in quello che è stato chiamato il bagno di sangue di B-R5RB (“The Bloodbath of B-R5RB”). Nel corso di circa 21 ore il livello di distruzione ha raggiunto livelli mai visti in un gioco online ma i danni di questa guerra non sono tutti virtuali. Infatti, i costi in ISK, la moneta virtuale utilizzata in EVE online, hanno un equivalente reale la cui stima ufficiale si aggira tra i 300.000 e i 330.000 dollari.