Software

Alla Watson Developer Conference tenuta a San Francisco, IBM ha annunciato Project Intu, una nuova piattaforma progettata per rendere accessibile il sistema di cognitive computing Watson da qualsiasi dispositivo. Lanciata per ora in una versione sperimentale, offre agli sviluppatori che hanno un account Bluemix di avere accesso a Watson Intu Gateway e di creare applicazioni che utilizzino Watson usando gli SDK forniti come software libero attraverso Watson Developer Cloud, Intu Gateway e GitHub.

Schermata di "Quake"

Il 22 giugno 1996 id Software rilasciò la versione shareware per MS-DOS del videogioco “Quake”. Essa comprendeva il primo dei quattro episodi inclusi nella versione commerciale completa che cominciò a essere venduta anche assieme ad alcune mappe create per le partite in modalità multiplayer.

Una scheda Tensor Processing Unit (Foto cortesia Google)

Google ha presentato la Tensor Processing Unit (TPU), un circuito integrato creato specificamente (in inglese application specific integrated circuit o ASIC) per l’apprendimento automatico (machine learning). L’azienda sta sperimentando questo tipo di soluzioni nei suoi data center da oltre un anno e ha dichiarato che le prestazioni per watt sono di un ordine di grandezza superiore per quanto riguarda l’ottimizzazione.

Jeb Linton di IBM in una dimostrazione alla studentessa Lisa Mathews (Foto cortesia Mitro Hood/Feature Photo Service for IBM))

IBM ha annunciato Watson for Cyber Security, una nuova versione del suo sistema di cognitive computing specializzata nel campo della sicurezza informatica. L’azienda collaborerà con otto università per espandere le conoscenze con cui Watson è stato addestrato in questo campo.

California State Polytechnic University di Pomona, Pennsylvania State University, MIT, New York University, Università del Maryland della Baltimore County (UMBC), Università di New Brunswick, Università di Ottawa e Università di Waterloo sono le università che amplieranno l’addestramento del sistema Watson for Cyber Security. Come le altre versioni di Watson, anche questa è progettata sulla piattaforma IBM Cloud perciò potrà lavorare contemporaneamente con tutte.

La home page di OpenAI Gym

Il progetto OpenAI, l’organizzazione no-profit aperta alla fine del 2015 con lo scopo di sviluppare l’intelligenza artificiale per il bene di tutta l’umanità, ha rilasciato la beta pubblica di OpenAI Gym, una sorta di palestra virtuale per questo tipo di software. Qualunque sviluppatore può andare su GitHub, il servizio di hosting specializzato in software libero, e prelevare il toolkit per testare l’intelligenza artificale che ha creato.