Simulazioni

Blog che parlano di simulazioni e realtà virtuale

Schermata di una simulazione di IllustrisTNG (Immagine cortesia progetto IllustrisTNG)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Computational Astrophysics and Cosmology” presenta il rilascio pubblico completo delle simulazioni codificate come TNG100 e TNG300 del progetto IllustrisTNG, una simulazione dell’universo estremamente sofisticata che è stata migliorata nel corso di anni di lavoro. Un team di ricercatori ha continuato a migliorare dettagli e funzionalità sviluppando anche nuovi strumenti di interazione ed esplorazione in 2D e 3D per simulare due cubi di spazio da 100 e 300 milioni di parsec di lato.

L'equipaggio della missione Hi-SEAS V (Foto cortesia Hi-SEAS)

Domenica 17 settembre 2017 è terminata la missione Hi-SEAS (Hawaii Space Exploration Analog and Simulation) V, una simulazione di una missione su Marte condotta sulle pendici del vulcano Mauna Loa. Sei persone hanno trascorso otto mesi in condizioni simili a quelle che dovrebbero affrontare gli astronauti sul pianeta Marte con un habitat a forma di cupola come casa.

I membri dell'equipaggio della missione Hi-SEAS IV escono dal loro habitat (Foto cortesia Università delle Hawaii)

Domenica 28 agosto 2016 è terminata la missione Hi-SEAS (Hawaii Space Exploration Analog and Simulation) IV, una simulazione di una missione su Marte condotta sulle pendici del vulcano Mauna Loa. Sei persone hanno trascorso un anno in condizioni simili a quelle che dovrebbero affrontare gli astronauti sul pianeta Marte con un habitat a forma di cupola come casa.

Fossile di Tribrachidium heraldicum

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science Advances” descrive una simulazione al computer effettuata per capire meglio come mangiasse il tribrachidio (Tribrachidium heraldicum), una creatura vissuta circa 555 milioni di anni fa. I risultati rivelano che già in quell’epoca così antica c’era una complessità nell’ecosistema formato dai primi organismi complessi maggiore di quanto si pensasse.

Simulazione della struttura e del movimento della proteina fosfoglicerato chinasi (Immagine cortesia Thomas Splettstoesser; http://www.scistyle.com Tutti i diritti riservati)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Physics” descrive i risultati ottenuti con una serie di simulazioni condotte utilizzando supercomputer all’Oak Ridge National Laboratory (ORNL) del Dipartimento dell’Energia degli USA. L’oggetto di queste sofisticatissime simulazioni erano proteine per capire come si muovono, un elemento chiave nel ruolo che hanno a livello funzionale, strutturale e regolatorio negli organismi viventi.