Racconto

Il racconto lungo “La figlia di Lot” (“Lot’s Daughter”) di Ward Moore è stato pubblicato per la prima volta nel 1954. È il seguito di “Lot”. In Italia è stato pubblicato da Mondadori all’interno del n. 375 di “Urania” e all’interno del n. 1618 di “Urania” nella traduzione di Laura Grimaldi.

Sono passati alcuni anni dalla guerra atomica e il signor Jimmon sopravvive assieme alla figlia Erika e al figlio che hanno avuto nel frattempo. I tre seguono una routine dettata dalle esigenze della loro vita isolata da possibili altri sopravvissuti. Il signor Jimmon non ne è molto soddisfatto ma un giorno qualcosa cambia.

Urania contenente I prigionieri del Caduceo, Lot e La figlia di Lot di Ward Moore

Il racconto lungo “Lot” (“Lot”) di Ward Moore è stato pubblicato per la prima volta nel 1953. In Italia è stato pubblicato da Mondadori all’interno di “La verità sul caso Smith. Antologia della nuova narrativa americana” e all’interno del n. 375 di “Urania” nella traduzione di Carlo Fruttero, da Armenia Editore e da Bombiani all’interno di “Le grandi storie della fantascienza 15 (1953)” nella traduzione di Giampaolo Cossato e Sandro Sandrelli e di nuovo da Mondadori all’interno del n. 1618 di “Urania”.

Frammentazione: o diecimila arrivederci di Tom Crosshill

Il racconto breve “Frammentazione: o diecimila arrivederci” (“Fragmentation, or Ten Thousand Goodbyes”) di Tom Crosshill è stato pubblicato per la prima volta nel 2012. In Italia è stato pubblicato per la prima volta da Mincione Edizioni in e-book nella collana “Future Fiction” nella traduzione di Francesca Secci.

Rico è preoccupato per sua madre, che è anziana e ha qualche problema mentale. Ogni volta che la donna saluta qualcuno, è convinta che non lo rivedrà mai più. Il padre di Rico si è sottoposto da tempo all’upload della mente in un ambiente virtuale, dove ora vive, anche se la procedura non sembra esente da pecche. Riuscirà Rico a convincere sua madre a fare la stessa cosa?

Il racconto “Vita di un autore più 70 anni” (“Life of the Author plus 70”) di Kenneth Schneyer è stato pubblicato per la prima volta nel 2013. In Italia è stato pubblicato da Deleyva Editore in e-book nella collana “Future Fiction” nella traduzione di Fiorella Moscatello.

Eric Weiss è uno scrittore che non ha avuto successo. È l’unico ad aver preso in prestito il suo romanzo alla biblioteca locale dopo che lui stesso aveva suggerito di acquistarlo. Alla fine, ha dovuto adattarsi a lavorare per un dipartimento creativo di cartoni animati. Firmando il contratto ha notato la curiosa clausola che prevede la possibilità che venga ibernato se fosse in pericolo di vita.

Le cose per Weiss migliorano ma dopo dieci anni viene avvisato che non ha mai restituito il libro da lui preso in prestito. La multa da pagare è di 102.400 dollari e i tentativi di Weiss di risolvere amichevolmente la situazione riescono solo a peggiorarla. A gestire il suo caso c’è un’intelligenza artificiale ed è impossibile parlare con un essere umano. Weiss dovrà tentare tutte le scappatoie per cercare di non pagare una cifra astronomica.

Testimone di tutta la verità e Vita di un autore più 70 anni di Kenneth Schneyer

Il racconto “Testimone di tutta la verità” (“Whole Truth Witness”) di Kenneth Schneyer è stato pubblicato per la prima volta nel 2010. In Italia è stato pubblicato per la prima volta da Deleyva Editore in e-book nella collana “Future Fiction” nella traduzione di Fiorella Moscatello.

Manuel “Manny” Suarez è un avvocato che sta avendo grossi problemi a difendere i suoi clienti. Le nuove nanotecnologie hanno portato allo sviluppo un modo per permettere ai testimoni in un tribunale di ricordare gli eventi in maniera perfetta e allo stesso tempo impedisce loro di mentire. Tuttavia, un buon avvocato è sempre in grado di adattarsi a nuove situazioni e inventare nuovi trucchi.