Garibaldi a Gettysburg e Ritorno a Gettysburg di Pierfrancesco Prosperi

Il romanzo “Ritorno a Gettysburg” di Pierfrancesco Prosperi è stato pubblicato per la prima volta nel 2020 da Mondadori all’interno del n. 206 di “Urania Collezione”. È il seguito di “Garibaldi a Gettysburg”.

Andrea Venier è stato trasportato indietro nel tempo fino all’inizio della battaglia di Gettysburg, dove cerca di avvertire Giuseppe Garibaldi di ciò che sta per accadere. Tuttavia, succede qualcosa di imprevisto e Andrea viene nuovamente spostato nel tempo, ancor più indietro. Quando finalmente arriva il momento di partecipare alla battaglia assieme al gruppo italiano, i sudisti ottengono una vittoria schiacciante grazie a nuove armi.

Nonostante i tentativi di Garibaldi e degli altri generali unionisti di limitare i danni, i sudisti prendono lentamente il sopravvento ribaltando le sorti della guerra civile. Non più paghi della secessione, i sudisti invadono gli stati del Nord ottenendo una riunificazione secondo le loro condizioni.

Esemplari di panda minore himalayano (Ailurus fulgens) e panda minore cinese (Ailurus styani)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science Advances” riporta le prove genetiche che esistono due specie distinte di panda minore, o panda rosso, (Ailurus fulgens) e non due sottospecie, come da classificazione tassonomica esistente da oltre un secolo e basata su differenze morfologiche. Un team di ricercatori ha compiuto una ricerca genomica che ha portato alla conclusione che esiste una sostanziale divergenza genetica che si aggiunge alle differenze rilevate con i metodi classici. Di conseguenza, è stata proposta una nuova classificazione con le specie panda minore himalayano (Ailurus fulgens) e panda minore cinese (Ailurus styani) al posto delle due sottospecie. Se confermato, questo risultato pone nuovi problemi nel salvataggio dei panda rossi dall’estinzione.

Al Clark di Jonathan G. Meyer

Il romanzo “Al Clark” di Jonathan G. Meyer è stato pubblicato per la prima volta nel 2014. È il primo libro della serie Al Clark. È inedito in Italia.

Al Clark si risveglia senza memoria, al punto che legge il suo nome quando si guarda attorno per cercare di capire la sua situazione. Esplorando alla capsula in cui era in animazione sospesa, incontra un ragazzo che era già sveglio da un po’ e scopre di essere su un’astronave in viaggio verso un pianeta da colonizzare. Assieme, cominciano a risvegliare altre persone, incluso il capitano.

Con almeno una parte dell’equipaggio risvegliata, diventa possibile cominciare a valutare seriamente la situazione della missione. Gli aspiranti coloni si rendono conto che il loro viaggio è terminato e l’astronave è in orbita attorno ad Avalon, il pianeta che deve diventare la loro nuova casa. I loro problemi, invece, non sono finiti perché il pianeta è abitato e l’indagine sulle ragioni per cui l’equipaggio non è stato risvegliato nel modo previsto indica che c’è stato un sabotaggio.

Entrata della grotta di Chagyrskaya (Foto cortesia K. Kolobova/Institute of Archeology and Ethnography of the Siberian Branch of the RAS)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences” riporta uno studio sulle migrazioni in Siberia dei Neanderthal. Un team di ricercatori ha compiuto scavi nella grotta di Chagyrskaya nei Monti Altaj in Siberia trovando 90.000 manufatti e 74 fossili di Neanderthal assieme a strumenti d’osso, resti di animali e piante in depositi datati tra 49.000 e 59.000 anni fa. Gli strumenti hanno caratteristiche distintive che assomigliano notevolmente a quelle di manufatti di Neanderthal dell’Europa orientale mentre negli altri siti nei Monti Altaj occupati dai Neanderthal non è stato trovato nulla del genere. Queste prove archeologiche, unite a studi genetici su fossili di Neanderthal ben conservati, indicano che vi furono almeno due migrazioni verso la Siberia di questi ominini, la prima oltre 100.000 anni fa.

Soji (Isa Briones) e Jean-Luc Picard (Patrick Stewart) in Nepenthe (Immagine cortesia CBS All Access/ Amazon Prime Video)

“Nepenthe” (“Nepenthe”) è il settimo episodio della serie “Star Trek: Picard” e segue “La Scatola Impossibile”. È disponibile negli USA sulla piattaforma di streaming CBS All Access e in molte altre nazioni su Amazon Prime Video.

Sul cubo Borg è l’ora della resa dei conti con Narissa (Peyton List) che non ha più freni nell’agire per trovare Jean-Luc Picard (Patrick Stewart) e soprattutto Soji (Isa Briones). I due si sono teletrasportati sul pianeta Nepenthe, dove trovano William Riker (Jonathan Frakes) e Deanna Troi (Marina Sirtis), che vivono lì assieme alla loro figlia Kestra (Lulu Wilson).