Saru (Doug Jones) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Un obolo per la Charon (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Un obolo per la Charon” (“An Obol for Charon”) è il quarto episodio della seconda stagione della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Punto di luce”.

Numero Uno (Rebecca Romijn) arriva sulla USS Discovery per aggiornare il Capitano Christopher Pike (Anson Mount) sui lavori in corso per riparare la USS Enterprise ma anche per portargli le informazioni che ha trovato su Spock, in particolare una pista da seguire. La USS Discovery è sulla rotta per seguire la rotta di Spock ma viene fermata da un’entità sconosciuta, molto potente e antica, che attacca i sistemi interni mentre anche Saru (Doug Jones) comincia a soffrire seri problemi di salute.

The Twilight Streets di Gary Russell

Il romanzo “The Twilight Streets” di Gary Russell è stato pubblicato per la prima volta nel 2008. È inedito in Italia.

La gente preferisce evitare il quartiere di Tretarri a Cardiff anche se nessuno ne capisce esattamente il motivo. Le case sono ormai vecchie e malandate perché nessuno vuole abitarci anche se non c’è crimine, semplicemente tutti cercando di traslocare il più presto possibile e alla fine l’area è caduta in decadenza.

Un nuovo progetto ha lo scopo di rinnovare l’area e un’azienda sta gestendo i lavori. Non si tratta solo di costruire palazzi moderni e assicurare servizi adeguati alla popolazione, sono previsti anche spettacoli e feste nelle strade per segnare il nuovo corso. Quando la presenza di Bilis Manger viene scoperta, il team del Capitano Jack Harkness comincia a indagare, un lavoro reso più complesso dal fatto che se lui prova ad avvicinarsi all’area si sente troppo male per entrarvi.

Luna piena di Ian McDonald (edizione britannica)

Il romanzo “Luna piena” (“Luna: Wolf Moon”) di Ian McDonald è stato pubblicato per la prima volta nel 2017. È il secondo romanzo della serie Luna e segue “Luna nuova”. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 5 di “Urania Jumbo”.

Dopo l’attacco a Corta Helio le altre famiglie che dominano la Luna cercano di accaparrarsi i suoi beni. Alcuni membri della famiglia Corta sono sopravvissuti mentre ufficialmente Lucas Corta è morto. La situazione ha alterato notevolmente l’equilibrio di potere sulla Luna e ogni fazione cerca di guadagnare qualsiasi vantaggio sui propri nemici.

Ogni evento significativo, soprattutto se violento, contribuisce a rendere i rapporti tra le varie fazioni più complessi e capire chi siano gli amici e chi i nemici diventa più difficile. In un luogo dove la legge la fa chi è il più forte, qualsiasi debolezza viene sfruttata da qualche nemico e un’instabilità può avere una serie di ripercussioni impreviste e imprevedibili.

Varie popolazioni di ominini vissero nelle grotte di Denisova

Due articoli pubblicati sulla rivista “Nature” riportano varie scoperte sui primi esseri umani che vissero in Siberia. Due team di ricercatori guidati dalla dottoressa Katerina Douka e dalla professoressa Zenobia Jacobs hanno usato diversi metodi di datazione che suggeriscono che le grotte di Denisova in Siberia siano state occupate a partire da almeno 200.000 anni fa dai Denisova ma i primi ominini potrebbero avervi abitato 300.000 anni fa.

Amanda Grayson (Mia Kirshner) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Punto di luce (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Punto di luce” (“Point of Light”) è il terzo episodio della seconda stagione della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Nuovo Eden”.

L’indagine da parte dell’equipaggio della USS Discovery mostra ramificazioni sempre più complesse dopo l’arrivo a bordo di Amanda Grayson (Mia Kirshner). I segnali cosmici sono stati visti da qualcuno tra i Klingon come un segno e ciò contribuisce agli scontri per il potere.