Piante di quinoa

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive il sequenziamento del DNA della pianta di quinoa (Chenopodium quinoa). Un team di ricercatori guidati dalla King Abdullah University of Science and Technology (KAUST) in Arabia Saudita ha compiuto la mappatura genetica di questa pianta molto considerata per i suoi elevati contenuti nutrizionali. Le conoscenze ottenute sono già sfruttate dai coltivatori per migliorarne le varietà e potrebbero permettere di ampliarne la coltivazione.

Il telepate o Il telepatico o Sogna, superuomo! di John Brunner

Il romanzo “Il telepate”, conosciuto anche come “Il telepatico” o “Sogna, superuomo!” (“The Whole Man”, conosciuto anche come “Telepathist”) di John Brunner è stato pubblicato per la prima volta nel 1964 ristrutturando tre racconti pubblicati negli anni precedenti. In Italia è stato pubblicato dalla Casa Editrice La Tribuna come “Sogna, superuomo!” nel n. 95 di “Galassia” e nel n. 10 di “Bigalassia”, dall’Editrice Nord come “Il telepatico” nel n. 32 di “Cosmo Oro” e nel n. 40 dei “Tascabili Fantascienza” e da Mondadori come “Il telepate” nel n. 169 di “Urania Collezione”, in tutti i casi nella traduzione di Ugo Malaguti.

Gerald Howson è nato in circostanze davvero sfortunate: suo padre era un terrorista morto prima della sua nascita e il neonato mostra varie deformità fisiche. Sua madre è poco interessata a lui perciò crescendo deve imparare rapidamente ad arrangiarsi. Per il giovane Gerald le cose cambiano quando si rende conto di avere capacità telepatiche.

I telepati sono rari e il loro lavoro è importante nel corso delle attività diplomatiche necessarie a risolvere le crisi che possono scoppiare nel mondo. Gerald Howson ha imparato a non fidarsi di nessuno ma quando le sue emissioni telepatiche vengono captate da altri come lui è costretto a scegliere tra vivere di nascosto e tentare di cambiare la propria vita.

Ricostruzione del Saccorhytus coronariusm (Immagine cortesia Jian Han)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive l’identificazione di quello che viene ritenuto il più antico antenato conosciuto degli esseri umani. Chiamato Saccorhytus coronariusm, 45 esemplari sono stati scoperti nel corso di scavi effettuati nell’odierna provincia dello Shaanxi, in Cina. Questo animale aveva una lunghezza attorno al millimetro, visse 540 milioni di anni fa ed è l’antenato dei deuterostomi, che includono vertebrati, echinodermi e altri animali ancora.

Universi in fuga di Charles Sheffield (edizione americana)

Il romanzo “Universi in fuga” (“Resurgence”) di Charles Sheffield è stato pubblicato per la prima volta nel 2002. È il quinto libro dell’universo Heritage ed è il seguito di “Punto di convergenza”. In Italia la prima parte è stata pubblicata da Mondadori nel n. 1639 di “Urania” nella traduzione di Fabio Feminò.

Il mistero degli Artefici sembra diventato ormai accademico quando nelle lontane stelle del Sagittario qualcosa comincia a distruggere interi sistemi stellari. È una nuova manifestazione degli Artefici causata da un Artefatto ancora non scoperto perché molto lontano dal Braccio di Orione? Ci sono altre forze all’opera?

Per scoprire cosa sta succedendo in quella parte lontana della galassia viene riunito il team che aveva esplorato manufatti degli Artefici. Stavolta però il viaggio è più lungo del normale e i pericoli sono più che mai imprevedibili. Basterà una spedizione che include un team militare addestrato alla sopravvivenza?

Aethiocarenus Burmanicus (Foto cortesia Oregon State University)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Cretaceous Research” descrive un insetto trovato in un pezzo d’ambra risalente a circa 100 milioni di anni fa. Un team della Oregon State University (OSU) l’ha studiato e vi ha trovato caratteristiche abbastanza diverse da quelle di qualsiasi altro insetto da meritare la creazione di un nuovo ordine tassonomico per la sua classificazione, avvenuta con il nome Aethiocarenus burmanicus per la sua specie.