Massimo Luciani

Alfred Joseph Hitchcock nacque il 13 agosto 1899 a Leytonstone, nell’Essex, in Inghilterra. Gli elementi tipici dei lavori di Alfred Hitchcock, dalla creazione della suspense all’umorismo nero, inclusa l’ossessione per le bionde e tanti altri temi e meccanismi sono stati oggetto di analisi approfondite per capire il modo di lavorare di un regista che ha avuto una notevole influenza anche oltre il cinema di genere.

Testimoni dell'uomo di Algis Budrys (edizione britannica)

Il romanzo “Testimoni dell’uomo” (“Some Will Not Die”) di Algis Budrys è stato pubblicato per la prima volta nel 1961, una versione espansa di “False Night” del 1954. In Italia è stato pubblicato da Fanucci nel n. 11 di “Futuro. Biblioteca di Fantascienza” nella traduzione di Maurizio Gavioli.

Matt Garvin fa parte del 10% della popolazione sopravvissuta a una pandemia che ha avuto come conseguenza anche la completa distruzione della società civile. In una situazione in cui chiunque può essere un nemico mortale, l’unico modo per andare avanti è trovare qualcuno di cui fidarsi. Lentamente, cominciando dai suoi vicini di casa, Matt comincia a formare una nuova società che si espande attraverso Manhattan.

Joe Custis è stato incaricato di trovare Ted Berendsten, un leader ufficialmente ucciso molti anni prima ma secondo varie voci in realtà vivo e ben nascosto. Le autorità che gli hanno dato quell’incarico vogliono Berendsten perché l’esercito che comandava aveva portato alla formazione del primo vero stato nordamericano dopo la pandemia perciò lo ritengono utile per il governo di una nuova Repubblica.

L'Heracles inexpectatus era un pappagallo gigante che visse 19 milioni di anni fa

Un articolo pubblicato sulla rivista “Biology Letters” riporta la scoperta di una specie di pappagalli giganti che vissero circa 19 milioni di anni fa, nel periodo Miocene, nell’attuale Nuova Zelanda. Un team di paleontologi ha chiamato questa specie Heracles inexpectatus, l’Ercole dei pappagalli con il suo metro di altezza e un becco massiccio utile per procurarsi il cibo. Era grande circa il doppio del kakapò, il più grande pappagallo vivente e per questo motivo è stato soprannominato Squawkzilla.

SkyPoint di Phil Ford

Il romanzo “SkyPoint” di Phil Ford è stato pubblicato per la prima volta nel 2008. È inedito in Italia.

Gwen Cooper e Rhys Williams si sono appena sposati e lui ha prenotato un appuntamento con un agente immobiliare per visitare SkyPoint, il nuovissimo complesso di appartamenti di Cardiff. Rhys sa che non se lo possono permettere ma spera in un futuro migliore per lui e Gwen. La visita però non comincia bene perché Gwen vede passare Besnik Lucca, ben noto alle forze di polizia, che vorrebbero tanto trovare le prove dei tanti crimini di cui è sospettato.

La visita a SkyPoint continua ma l’agente immobiliare improvvisamente svanisce nel nulla. Gwen chiede ai suoi colleghi di Torchwood di fare un controllo e non risulta alcuna attività della fessura spazio-temporale ma non è la prima sparizione misteriosa avvenuta a SkyPoint. Per indagare, Owen Harper e Toshiko Sato vanno a vivere nel grattacielo facendo finta di essersi appena sposati.

Fossile di Cambroraster falcatus (Immagine cortesia Jean-Bernard Caron© Royal Ontario Museum)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences” riporta la scoperta di una nuova specie di predatore marino che visse nel periodo Cambriano, poco più di 500 milioni di anni fa, scoperta nella celebre argillite di Burgess. Joe Moysiuk, dottorando dell’Università di Toronto, e il suo supervisore Jean-Bernard Caron hanno chiamato quest’animale Cambroraster falcatus ritenendo che il suo carapace avesse una certa somiglianza con il Millennium Falcon.