Russell T Davies sarà nuovamente lo showrunner di Doctor Who

Russell T Davies nel 2008
Russell T Davies nel 2008

La BBC ha annunciato che Russell T Davies (foto ©Tony Hassall) sarà nuovamente lo showrunner di “Doctor Who” a partire dal 60° anniversario della saga. Il ritorno dell’uomo che ha gestito il revival della saga sarà accompagnato dall’entrata nella produzione di Bad Wolf, l’azienda di produzione creata proprio da Davies assieme a soci come Julie Gardner, che fu anche lei produttrice del revival.

Chris Chibnall come showrunner di “Doctor Who” ha ricevuto decisamente più critiche che elogi. Alcuni non gli hanno neppure dato una possibilità perché ha avuto l’ardire di scegliere una donna per interpretare il Dottore. Ci sono però molte critiche che riguardano le sue scelte nella sceneggiatura degli episodi: nella sua prima stagione, parecchi episodi sono sembrati un po’ mosci e anch’io onestamente ricordo solo quelli con ambientazione nella storia, mentre la sua seconda stagione è controversa per la scelta di entrare in modo pesante nella storia personale del Dottore.

Tutti gli showrunner della nuova serie hanno ricevuto varie critiche ed è normale che vengano ricordate soprattutto quelle più “fresche”. Alcuni fan criticano il presente mitizzando il passato, anche quello recente. Anche Russell T Davies ricevette varie critiche ma ora viene salutato da molti come il salvatore della saga. Sarà così?

Quando rilanciò “Doctor Who”, Russell T Davies scrisse vari episodi con elementi trash, in particolare quelli con gli Slitheen. Secondo me, la cosa peggiore è stata inserire elementi da soap opera. Gusti personali a parte, quelle storie hanno portato “fangirl” interessate solo a “shippare” il Decimo Dottore e Rose. A lungo termine, quelle fan sono state estremamente tossiche nel fandom perché non capivano nulla di ciò che esulava dalla storia tra i due protagonisti e hanno sparso veleno per anni su tutto ciò che è venuto dopo di loro.

Dopo aver lasciato “Doctor Who” e i suoi spinoff, Russell T Davies è stato coinvolto nella produzione di altre serie televisive e ciò mostra che aveva altre idee da sviluppare. Di conseguenza, possiamo sperare che il suo ritorno porti qualcosa di nuovo e non riproponga vecchi schemi. Possiamo anche sperare in un ritorno di “Torchwood”, una serie rimasta in una sorta di limbo.

La televisione è cambiata nell’ultimo decennio e il cambiamento è una parte fondamentale di “Doctor Who”. Davies è un vecchio fan della saga e lo sa benissimo perciò ci sono motivi per essere ottimisti sul suo ritorno. La maggioranza del fandom ora lo sta osannando ma non stupiamoci se ricominceranno le critiche alle sue scelte e qualcuno rimpiangerà Chibnall.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *