L’Asteriornis maastrichtensis è un uccello primitivo che visse assieme ai dinosauri

Il dottor Daniel Field con una replica del cranio di Asteriornis maastrichtensis (Foto cortesia Università di Cambridge)
Il dottor Daniel Field con una replica del cranio di Asteriornis maastrichtensis (Foto cortesia Università di Cambridge)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” riporta l’identificazione di un nuovo uccello primitivo che visse vicino alla fine del periodo Cretaceo, quasi 67 milioni di anni fa, vicino al confine tra gli odierni Belgio e Olanda. Un team di ricercatori guidati dall’Università di Cambridge ha sottoposto le ossa fossili di quello che è stato chiamato Asteriornis maastrichtensis a TAC ad alta risoluzione per crearne ricostruzioni tridimensionali. In particolare il cranio è uno tra quelli meglio preservati tra i fossili di uccelli. Le sue caratteristiche mettono assieme quelle delle moderne galline e anatre, suggerendo che si tratti di una specie molto vicina al loro ultimo antenato comune.

I fossili di uccelli primitivi e dinosauri piumati scoperti negli ultimi decenni mostrano che gli uccelli sono dinosauri, l’unico gruppo di questi animali sopravvissuto all’estinzione di massa avvenuta alla fine del Cretaceo. Ricostruire esattamente l’evoluzione degli uccelli moderni a partire dai dinosauri è problematico perché i fossili sono limitati e ci sono parecchie specie di dinosauri piumati con diverse caratteristiche simili a quelle degli uccellil moderni. Ogni nuova specie identificata potrebbe portare a notevoli passi in avanti in questo lavoro e anche l’Asteriornis maastrichtensis potrebbe dare un contributo importante a questo tipo di ricerca.

L’esemplare di Asteriornis maastrichtensis venne scoperto circa vent’anni fa in una cava e il fatto che sia stato scoperto in Europa e non in Cina o nell’emisfero meridionale, come molti altri fossili di dinosauri piumati e uccelli primitivi, è interessante. Il cranio è molto ben conservato e per questo motivo il dottor Daniel Field di Cambridge ha dichiarato che il momento in cui l’ha visto è stato il più eccitante nella sua carriera scientifica.

Lo scheletro fossile è stato datato a circa 66,7 milioni di anni fa, il che significa che visse meno di un milione di anni prima dell’estinzione di massa della fine del Cretaceo, fianco a fianco dei dinosauri. Una TAC ad alta risoluzione ha permesso di creare ricostruzioni tridimensionali delle ossa per compiere esami approfonditi che hanno fornito informazioni interessanti sulle probabili parentele con gli uccelli moderni e in particolare con galline e anatre.

Per la sua importanza, quest’esemplare è stato soprannominato wonderchicken. Era dotato di lunghe zampe e probabilmente poteva volare. Alla fine del Cretaceo il clima era caldo in Europa e l’Asteriornis maastrichtensis viveva vicino alle spiagge sulle rive delle acque basse attorno alle isole che esistevano all’epoca.

Fossili di uccelli primitivi che vissero poco dopo l’estinzione di massa della fine del Cretaceo sono stati scoperti nelle odierne Nuova Zelanda e Antartide. Ciò suggeriva che i primi uccelli potessero essersi evoluti nell’emisfero meridionale, nell’allora Gondwana. La scoperta di wonderchicken potrebbe cambiare le cose ma aggiungendo domande senza fornire ancora risposte. Più che mai, la ricerca degli antenati più antichi degli uccelli continua in tutto il mondo.

Concetto artistico di Asteriornis maastrichtensis (Immagine cortesia Philip Krzeminski)
Concetto artistico di Asteriornis maastrichtensis (Immagine cortesia Philip Krzeminski)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *