February 2020

Il fossile di Gunakadeit joseeae

Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” descrive l’identificazione di una nuova specie di rettile marino classificato come parte dell’ordine dei talattosauri che visse nell’odierno Alaska oltre 200 milioni di anni fa, nel Noriano, un’età del periodo Triassico. Un team di ricercatori guidato da Patrick Druckenmiller della University of Alaska Fairbanks (UAF) lo ha chiamato Gunakadeit joseeae dopo aver esaminato il fossile scoperto in Alaska nel 2011. La scoperta di una nuova specie offre nuove informazioni su un gruppo di rettili di cui sono disponibili pochi fossili per un albero genealogico ancora oggetto di discussioni.

La corsa del manichino di E.C. Tubb

Il romanzo “La corsa del manichino” (“Century of the Manikin”) di E.C. Tubb è stato pubblicato per la prima volta nel 1972. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 640 di “Urania”, nel n. 776 di “Oscar”, nel n. 92 dei “Classici Urania” e nel n. 205 di “Urania Collezione” nella traduzione di Maria Benedetta De Castiglione.

L’aggressività degli esseri umani è stata eliminata grazie al lungo lavoro della P.E.C.E. (Propaganda E Controllo Emozionale), l’organizzazione che agisce costantemente sulla popolazione per mantenerla pacifica. Diversi strumenti vengono sfruttati, dalle droghe a forme di manipolazione dell’opinione pubblica.

La pace esiste da molti anni, una situazione in teoria utopica che però nasconde problemi che hanno trasformato la società in una distopia. I manichini usati come valvola di sfogo per l’aggressività residua non bastano a frenare ossessioni e si diffondono soluzioni clandestine.

Calco di Allosaurus jimmadseni (Immagine cortesia Dan Chure)

Un articolo pubblicato sulla rivista “PeerJ” riporta l’identificazione di una nuova specie di dinosauro carnivoro che visse tra 152 e 157 milioni di anni fa, nel periodo Giurassico. Daniel Chure e Mark Loewen l’hanno chiamato Allosaurus jimmadseni dopo aver esaminato vari fossili scoperti negli anni ’90 nello Utah e nel Wyoming per stabilire che si tratta di una nuova specie di allosauro, più antica di alcuni milioni di anni della prima scoperta, Allosaurus fragilis. Le differenze tra le due specie suggeriscono diverse abitudini alimentari.